Serie B, Cagliari-Cesena 3-1: sardi in testa al campionato

Prosegue il 7° turno della Serie B con un interessantissimo Cagliari-Cesena. I padroni di casa scendono in campo con un offensivo 4-3-1-2: tra i pali Storari. Difesa con Pisacane, Ceppitelli, Salamon e Capuano. Linea mediana composta da Dessena, Fossati e Joao Pedro. Dietro il tandem d’attacco Sau-Melchiorri c’è Farias. All. Rastelli. Rispondono gli ospiti schierando un 4-2-3-1: in porta Gomis. Difesa con De Col, Capelli, Magnusson e Mazzotta. Tandem sulla mediana con Kone e Kessie. Dietro l’unica punta Moncini c’è il tridente composto da Ciano, Molina e Ragusa. All. Drago. Arbitra Pasqua.

Marco Sau. fonte: Cagliaricalcio.net
Marco Sau. fonte: Cagliaricalcio.netsau

Parte bene il Cesena con Ragusa che prova ad impesierire Storari dai 25 metri. L’ex Juve non si fa sorprendere e para tranquillamente. Il Cagliari prova a rispondere, ma in fase offensiva rimane impreciso e poco convinto. Faris tenta di impensierire gli avversari, ma senza successo.

Il match stenta a decollare. Al 20′ la sfera ristagna soprattutto a centrocampo. Lo spettacolo latita. Con un pareggio entrambe le formazioni si trovarebbero al primo posto insieme al Crotone che, nella giornata di ieri, non è andato oltre lo 0-0 con il Vicenza.

I padroni di casa alzano il ritmo e si fanno sempre più pericolosi nell’area bianconera. A 10 minuti dalla fine arriva il vantaggio per i rossoblu. Colpo di testa di Joao Pedro e pronta risposta di Gomis. La sfera viene recuperata da Farias che conclude senza problemi in rete. 1-0 meritato per quanto visto fin ora. Dopo un minuto di recupero arriva il duplice fischio.

Al ritorno in campo, il Cesena opta per il primo cambio: fuori De Col dentro Sensi. Pronti, via e subito rete di Ragusa, ma la realizzazione viene annulata per netto fuorigioco. Il Cagliari torna padrone del campo lasciando poco spazio agli avversari. All’ora di gioco, ecco il raddoppio dei sardi. Ennesimo affondo di Melchiorri che si presenta davanti a Gomis. L’attaccante alza la testa e serve l’accorente Sau che non ha difficoltà a gonfiare la rete. 2-0 per gli uomini di Rastelli che volano in testa alla classifica.

Subito dopo la risposta d’orgoglio degli ospiti. Succi non cade nella trappola del fuorigioco e scatta palla al piede verso Storari. Il suo diagonale esce di pochissimo. Occasione sprecata malamente. Ad un quarto d’ora dalla fine, i bianconeri accorciano le distanze. Su calcio di punizione, Magnusson, toglie le ragnatele all’incrocio dei pali. 2-1 e ora, gli uomini di Drago ci credono.

La gioia dura solo un giro d’orologio. Sau verticalizza immediatamente per Melchiorri che entra in area e fa partire un bolide che si spegne sotto la traversa. 3-1 e partita chiusa. L’incontro cala di ritmo e i rossoblu si limitano a gestire l’ampio vantaggio. Sono 6 i minuti assegnati dal direttore di gara. Triplice fischio con il Cagliari che si gode il primato.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *