Copa Sudamericana: Independiente KO, eliminazione vicina

Serata di luna storta per l’Independiente che al Libertadores de America perde per 1-0 contro i quasi omonimi dell’Independiente Santa Fe in una partita caratterizzata dagli errori del portiere Diego Rodriguez.

Fonte: Chekyy (Wikipedia)
Fonte: Chekyy (Wikipedia)

La ruota non gira per il Diablo sin da subito e nonostante i tentativi di imporre il proprio gioco contro un avversario ben messo arriva la grande chance: Mina atterra in area Lucero e l’arbitro Sampaio concede il calcio di rigore. Dal dischetto va come al solito lo specialista di casa Independiente, il portiere Diego Rodriguez che però questa volta non è freddo come al solito e sbaglia il primo penalty della sua carriera.

La serataccia del Ruso è destinata a continuare mentre il suo collega dall’altra parte diventa un gigante e para l’impossibile: il più grande intervento di Robinson Zapata è su Mancuello che vede negarsi la gioia del gol da un intervento incredibile dell’esperto portiere classe ’78.

L’Independiente Santa Fe è una squadra copera per definizione e mantiene la sua fama anche in Copa Sudamericana grazie ad un signor secondo tempo in cui riesce a portare a casa il risultato: la partita si decide in favore dei Cardenales quando Levyn Zapata, terzino mancino, si invola sulla fascia e quasi dalla linea di fondo calcia in porta cogliendo impreparato il Ruso Rodriguez che di fatto regala la partita agli avversari.

Le difficoltà per l’Independiente di Pellegrino si notano soprattutto quando deve dettare i ritmi della partita senza potersi affidare alle ripartenze in contropiede e il Santa Fe ne approfitta organizzandosi dietro senza rischiare più di tanto neanche nel finale di gara.

Quasi una sentenza lo 0-1 del Libertadores de America: ora il Diablo è costretto all’impresa al Campin di Bogotà, forse il campo più difficile da espugnare di tutta la Copa Sudamericana sia per i 2500 metri di altura, sia per il valore tecnico di una squadra che oramai vive per le coppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *