Milan-Arsenal 0-2, le pagelle dei rossoneri: Suso il peggiore

A San Siro si tornava a respirare l’aria delle grandi notti europee per il Milan che ospitava l’Arsenal per l’andata degli ottavi di Europa League.

Suso - Fonte immagine: sassuolocalcio.it
Suso – Fonte immagine: sassuolocalcio.it

E’ stata però una brutta serata per i rossoneri che hanno sentito troppo la pressione del match e si sono sciolti di fronte alla compagine londinese che è scesa in campo nella versione migliore, ossia non quella vista nell’ultimo mese. E’ finita infatti 2-0 per i Gunners grazie alle reti nel primo tempo di Mkhitaryan e Ramsey che segnano in maniera netta la strada per la qualificazione. Donnarumma e Romagnoli gli unici tra i padroni di casa a raggiungere la soglia della sufficienza, troppi invece quelli sottotono. Di seguito le pagelle dei rossoneri:

Donnarumma 6: para il parabile quando viene impegnato nel primo tempo e nulla può in occasione dei due gol subiti.

Calabria 5: l’inizio è da incubo, l’armeno Mkhitaryan gli sbuca da ogni parte e proprio da un suo errore in disimpegno nasce il gol dell’1-0. Prova a spingere di più nel secondo tempo, ma con meno lucidità del solito. (dal 79′ Borini: s.v.)

Bonucci 5,5: difensivamente parlando fa il suo, anche se la sua deviazione beffa Donnarumma in occasione dell’1-0. In fase di impostazione viene oscurato da Welbeck e non riesce a far partire la manovra come sempre.

Romagnoli 6: forse il meno peggio dei suoi, vince molti duelli aerei ed è puntuale in chiusura.

Rodriguez 5: l’Arsenal per la maggior parte del tempo attacca dall’altra parte, ma quando lo fa dalla sua non trova un’opposizione irresistibile.

Kessiè 5: torna ad essere quello che si è visto nei momenti più bui della stagione. Goffo, impacciato e pasticcione, la brutta copia del tuttocampista visto da quando c’è Gattuso.

Biglia 5: tra tutti è quello che recupera più palloni, ma il pressing iniziale avversario lo mette in difficoltà. Si dimentica Ramsey alle spalle in occasione del 2-0.

Bonaventura 5: è sicuramente quello che ci prova di più, forse fin troppo, risultando impreciso e sbagliando una marea di palloni e letture non da lui.

Suso 4,5: prima Kolasinac e poi Matiland-Niles lo inibiscono in maniera troppo semplice. Si incaponisce e non si accende mai, e se non lo fa lui ne risente tutta la squadra.

Cutrone 5: imbrigliato nella morsa dei due centrali, non vede tanti palloni. Uno buono a inizio partita gli arriva, ma lo calcia male e frettolosamente spedendolo fuori. (dal 68′ André Silva 5,5: serve un bel pallone per Kalinic che non ci arriva per poco, nemmeno lui riesce a incidere a partita in corso)

Calhanoglu 5,5: parte piuttosto bene, ma poi finisce anche lui per sbagliare passaggi e giocate che per uno come lui dovrebbero essere pane quotidiano. E chissà se avesse cercato un po’ di più il contatto con Ospina a inizio match. (dal 61′ Kalinic 5: entra, ma non riesce a dare niente di più del compagno che ha sostituito)

All. Gattuso 5,5: prova a trasmettere la sua grinta e la sua esperienza dalla panchina, ma in campo non ci può andare. E nei suoi giocatori, purtroppo, hanno prevalso la tensione e un po’ di timore reverenziale che sono costati carissimo nei primi quarantacinque minuti.