Chievo-Fiorentina 2-1, pagelle viola: l’inconsistente gioco di Pioli non porta frutti

Una Fiorentina lenta e senza idee, che commette errori madornali sia tecnici che di misura, ha lasciato tutta la posta in palio al Chievo.

Il Chievo non aveva mai vinto contro la Fiorentina.

Fonte: Federico Berni

Pioli è l’allenatore di una squadra compatta ma leggera, innocua, inoffensiva, senza grinta e senza elementi che (a parte Chiesa e Sportiello) facciano la differenza.

PAGELLE FIORENTINA

SPORTIELLO 6,5: ha subito 2 gol dei quali non ha colpa. Ha parato quello che doveva, non permettendo al Chievo di incrementare il risultato.

GASPAR 5,5: oggi ha stentato anche nella fase offensiva dove non è riuscito mai a fare un cross. In fase difensiva è incerto e rincorre l’avversario, pur impegnandosi, comunque, moltissimo.

PEZZELLA 5,5: ha commesso delle leggerezze grosse nelle chiusure. Nel secondo tempo si è anche mostrato nervoso.

ASTORI 6: fa quello che può ma non ha giocato come sa e le falle in difesa sono state molte

BIRAGHI 4: il peggiore in tutti i sensi. Giocatore che non è adatto al palcoscenico in cui è inserito. Suo l’errore sul primo gol, clamoroso, perchè non guarda Castro dietro di lui e quindi non lo copre, in più svirgola/sbuccia la palla e confeziona un errore notevole. Il secondo gol del Chievo nasce perchè lui si accentra e Castro è nuovamente solo a colpire di testa, anche se la rete è fortuita. Batte due calci piazzati da dimenticare come la sua prestazione.

BENASSI 5: l’impressione è che giochi in un ruolo non suo (dall’inizio della stagione) ma la realtà è che non riesce a chiudere, nè a rilanciare, nè a saltare l’uomo, nè a inventare qualcosa perchè probabilmente non sa farlo. Nel secondo tempo è stato inesistente  (dal 32′ s.t. BABACAR s.v.: non ha toccato palla)

VERETOUT 5,5: la velocità del centrocampo clivense lo surclassa e non riesce in niente. Prova a fare qualche tiro ma non è nelle sue corde, almeno non oggi.

BADELJ 6: è lì’unico che si è impegnato, pur senza grande risultato. Ha fatto 4 conclusioni in porta, imprecise e sbaglitate nella misura.

CHIESA 6: gioca solo pochi minuti ma mette in mostra di essere l’unico vero talentuoso di questa squadra  (dal 8′ s.t. GIL DIAS 5: tecnica buona ma scarsa convinzione. Fa delle buone azioni e poi si perde totalmente. Anche in difesa non aiuta)

THÉREAU 5: praticamente non si è visto. Sembra che la sua posizione in campo sia quella di supporto a una punta che però non esiste  (dal 11′ s.t. SAPONARA 5,5: esordio in campionato. La qualità c’è ma manca l’intesa con i compagni e forse non era questa la partita giusta per rientrare)

SIMEONE 5: il voto comprende l’encomio per il gran bel gol che ha illuso tutti. La prestazione è inconsistente e la strada, per essere un attaccante da squadra di serie A con ambizioni, è ancora molto molto lunga.

Allenatore PIOLI 5: una squadra senza mordente, senza idee, lenta nel ragionamento e nella manovra, e senza gioco, non può essere tollerata. Il modulo non ha mai convinto fin da inizio stagione ma la partita di oggi ha messo in mostra tutta la pochezza della sua gestione tecnica.

ARBITRO Sig. GIACOMELLI 6: manca un fallo dal limite alla Fiorentina e qualche cartellino in più nei confronti di tutte e due le squadre. In generale però è andato bene.