Diamanti ripiange la Fiorentina: “Avrei voluto lavorare con Sousa”

La Fiorentina torna ridimensionata da Torino dopo la sconfitta per 3-1 contro la Juventus.

Carmona e Diamanti. Fonte: violachannel.tv
Carmona e Diamanti. Fonte: violachannel.tv

I viola, nonostante il vantaggio lampo dopo appena 3 minuti, si fanno rimontare immediatamente dall’ex di turno Cuadrado. I padroni di casa alzano i ritmi travolgendo gli undici di Sousa meno brillanti del solito, ancora affaticati dal passaggio del turno in Europa League.

A rimpiangere la sua avventura a Firenze è Diamanti. Il centrocampista del Watford ha finora totalizzato solamente 3 presente in Premier League non gustandosi i risultati positivi dei suoi compagni che occupano la 7 posizione con un ruolino di marcia ottimo, con 3 vittorie nelle ultime 3 gare. Il nazionale azzurro avrebbe voluto confrontarsi con Sousa e provare il suo modo di lavorare alla Fiorentina. Ecco le sue parole riportate da Firenzeviola.it: “Tottenham-Fiorentina? Sarà una sfida bellissima, tra due squadre forti, allo stesso livello direi. Personalmente ho il rammarico di non averla potuta giocare lo scorso anno. Non abbiamo ancora giocato contro gli Spurs, ma i nomi da tenere d’occhio sono i soliti, hanno infatti giocatori importanti come Kane, Lamela e Son il coreano. Loro sono molto forti a livello di individualità, ma credo che la Fiorentina sia più squadra. D’altronde anche lo scorso anno loro erano favoriti ma passammo noi. Le italiane in generale sono più brave a gestire il risultato nella doppia sfida e pertanto nella fase ad eliminazione diretta hanno dalla loro la mentalità giusta”.

Poi torna proprio al passato: “Ho un grande rammarico per non aver giocato sfide così affascinanti e per non aver potuto fare in generale quello che so fare. Mi spiace soprattutto per i tifosi che mi hanno accolto e voluto bene e ai quali non sono riuscito a dare il 100%, anzi forse neanche il 50%. Perché? Non sono stato messo nelle condizioni di farlo, per una serie di cose sulle quali è inutile tornare, il passato è passato. La gara con la Juve? Ieri sera non ho potuto seguire la partita, ma mi piace molto il gioco della Fiorentina, è una squadra compatta e forte. Mi sarebbe piaciuto giocare in questa squadra e conoscere Sousa perché è molto bravo e un professionista, fa un gioco che rispecchia anche le mie qualità“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *