Juventus-Fiorentina 3-1, pagelle viola: è tornata la difesa mediocre, per il resto gara equilibrata

La Fiorentina si schianta di nuovo contro una delle più gettonate della classe, forse quella squadra che (ad oggi) ha davvero la possibilità di vincere nuovamente il titolo, alla fine.

Fonte: Federico Berni
Fonte: Federico Berni

Difesa viola da rivedere, con elementi che hanno sofferto del complesso di inferiorità nei confronti di quelli bianconeri.

Kalinic isolato ha fatto molto movimento ma la concretezza non c’è stata.

Se a fine campionato la parità tra le due squadre fosse ancora quella di oggi, la Fiorentina potrebbe essere enormemente contenta…

PAGELLE FIORENTINA

TATARUSANU 6,5: impotente sui gol della Juve, ha salvato il risultato con dei buoni interventi quando ancora la situazione era in parità.

TOMOVIC 6,5: il migliore della difesa. Ha saputo chiudere bene e soprattutto nel secondo tempo si è mostrato anche veloce, fino in fondo.

GONZALO RODRIGUEZ 5,5: sul gol di Mandzukic se ne va a coprire una zona non pericolosa e lascia la punta juventina sola e libera di tirare, su quello di Dybala è in ritardo.

ASTORI 6: è sfortunato sul rimpallo che porta al terzo gol bianconero. Per il resto gioca una gara accettabile.

ALONSO 5: ha soggezione di Cuadrado e non è in grado di superarlo mai. Non una volta, in tutta la sua partita che costruisce qualcosa ma dà sempre la palla indietro. Errori di copertura e leggerezze da principiante. (dal 39’s.t. PASQUAL s.v.)

BERNARDESCHI 6: nel primo tempo è anche pericoloso e fa sempre su e giù per la fascia coprendo bene e mostrando un ottimo controllo di gioco nelle ripartenze. Nella ripresa sparisce.

VECINO 5: a parte il fatto di tirare a casaccio quando ha un pallone dalla distanza, gioca con una superficialità disarmante. Passaggi brevi e, la maggior parte delle volte, sbagliati. La briga di dare la palla in avanti, in profondità non la prende quasi mai.  (dal 39′ s.t. ROSSI: s.v.)

BADELJ 6: il geometra lo fa bene con le squadre che non giocano come la Juventus o il Napoli o la Roma, ma non demerita nel controllo palla e nel guardare in profondità.

BORJA VALERO 7: è ovunque. Prende botte da tutti e ottiene poca tutela arbitrale (ma si sa…). Costruisce meno di quello che è abituato a fare. Resta il pernio importante della Fiorentina.

ILICIC 6: segna su rigore. Cammina per due terzi del tempo in cui è in campo. Decisivo e pericoloso, praticamente mai. Ogni tanto si sveglia e ha voglia di fare un’azione ma non basta.  (dal 39′ MATI FERNANDEZ: s.v.)

KALINIC 6: fa reparto da solo, è sempre in corsa per portare via uomini, per creare spazi e per affondare un colpo.

Allenatore PAULO SOUSA 6: la fase difensiva è clamorosamente esplosa in tutta la sua mediocrità, questa sera. Sarà che queste partite contano il doppio delle altre (dal punto di vista di Firenze) ma la squadra non può lasciare “buchi” nelle varie fasi di gioco, come ha fatto stasera.

Arbitro Sig. ORSATO 6,5: concedere un rigore a Torino, alla Fiorentina, dopo pochi minuti, è un coraggioso gesto di personalità. Ha arbitrato abbastanza bene. La Fiorentina con lui, però, non ha fortuna.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *