Genoa, Prandelli: “A Roma sarà emozionante, ma saremo compatti”

L’allenatore del Genoa Cesare Prandelli ha appena concluso la conferenza stampa pre-match a Villa Rostan, Genova Pegli.

Cesare Prandelli - Genoa fonte: genoacfc.it
Cesare Prandelli – Genoa
fonte: genoacfc.it

Il nuovo tecnico rossoblu ha avuto a disposizione una settimana per preparare i ragazzi alla sfida di domenica sera con la Roma, dopo l’importante pareggio ottenuto nella gara casalinga contro la Spal.

Mister Prandelli apre le dichiarazioni con una visione d’insieme della squadra: “La squadra ha lavorato bene con concentrazione. Abbiamo cercato di modificare qualcosa sulla costruzione del gioco. La Roma sarà un avversario ferito. Vorrà fare subito gol e cercare la vittoria. Noi abbiamo voglia di fare una grande prestazione“.

Si passa poi ai focus specifici, in particolare alle condizioni dei giocatori e possibili rientri in panchina: nter, Lapadula e Mazzitelli saranno disponibili. Tutti devono essere pronti e preparati, convinti di quello che abbiamo provato. Essere compatti e con la difesa non troppo bassa. Bessa ha qualità e continuità, spesso è anche fin troppo generoso”.

All’Olimpico, Prandelli avrà a disposizione sia Veloso che Sandro per il centrocampo. Il tecnico poi, tiene a ricordare la sua passata esperienza sulla panchina giallorossa: “Veloso e Sandro hanno caratteristiche simili. In questo momento sono alternativi. La Roma per me è emozione, anche se sono rimasto li solo due mesi ho ricordi piacevoli”.

La gara di domani è fondamentale per la posizione in classifica del Genoa, ma Prandelli non vuole modificare troppo l’assetto di formazione lasciato dal suo predecessore, Ivan Jurić : “Il Genoa va a Roma per cercare la prestazione. Dobbiamo avere coraggio e affrontare avversari più forti a viso aperto. Qui ho trovato un ambiente famigliare e grande professionalità. Il modulo per ora resta il 3-5-2. Nel tempo cambieremo qualcosa”.

Un commento poi a Piątek e Kouamé, le star rossoblu del momento, e alla condizione fisica di Sandro: “Dobbiamo tenere sempre nel vivo del gioco Piątek e Kouamé. Sandro è a posto fisicamente, ma nelle ultime settimane ha avuto un netto miglioramento. Roma sarà un tabù, ma la “prima volta” spesso è un obiettivo che si deve saper prendere”.

Rivelazione delle ultime prestazioni del Genoa è anche il centrocampista argentino Esteban Rolón, con cui il tecnico genoano conclude la sua conferenza: “Rolón è un calciatore molto serio. Mi piace come si allena e mi è piaciuto contro la Spal. Gli esterni sono calciatori che danno equilibrio e diventano punto di riferimento nelle fasi di gioco. Stiamo lavorando su questo aspetto”.