Inter, Jovetic sogna il titolo. Icardi si gode la fascia da capitano

L’Inter chiude l’anno solare perdendo in casa con una Lazio in crisi di risultati.

Stevan Jovetic (fonte: www.inter.it)
Stevan Jovetic (fonte: www.inter.it)c

La sconfitta è giunta a causa di un insieme di fattori tra cui la serata negativa di Felipe Melo autore di un rigore e di un rosso che lo terrà lontano dai campi da gioco per 3 giornate. La prima posizione è sempre salda, ma le dirette concorrenti allo scudetto si sono tutte fatte nuovamente sotto.

Jovetic crede fermamente nel titolo. Il montenegrino, acquistato dal Manchester City, ha messo a segno 4 reti in 13 presenze in serie a con la maglia nerazzurra. L’infortunio lo ha bloccato nel momento di maggiore forma. Nonostante le difficoltà fisiche, la punta vuole vincere qualcosa con Mancini. Ecco le sue dichiarazioni rilasciate a Premium Sport: “La classifica? Non me l’aspettavo, siamo tanti nuovi, di solito ci vuole tanto tempo per amalgamare il gruppo. Noi però abbiamo fatto subito bene e ci siamo integrati, ora ci crediamo. Siamo li e abbiamo un’ottima squadra, con le grandi abbiamo sempre fatto bene ma ancora manca tanto. Il City? Non so perché non giocavo. Io comunque voglio bene a Pellegrini e al City ho tanti amici. Icardi? Faremo tanti gol. La gente parla tanto e lo farà sempre, ma io non ho problemi. Abbiamo un ottimo rapporto, insieme abbiamo giocato solo 6-7 partite, miglioreremo ancora. Rimpianti? La panchina di Napoli, ma anche il palo, ci meritavamo il gol. Promesse per il 2016? Non mi piace farle, io cercherà solo di fare al meglio il mio lavoro. L’Inter con l’anima slava? Secondo me possiamo vincere qualcosa di importante”.

Anche Icardi crede molto nel gruppo. L’argentino è stato recentemente criticato dalla stampa per il suo scarso apporto alla fase offensiva. La punta, tornando a disposizione del suo tecnico, ha immediatamente zittito tutte le voci mettendo a segno 3 reti in 2 partite. La fascia di capitano lo ha galvanizzato ulteriormente e vuole fare bella figura anche nella tourneè negli Emirati Arabi senza sfigurare contro il PSG. Ecco le dichiarazioni rilasciate a Gulf Times: “Siamo tutti molto soddisfatti, ma sappiamo che non possiamo mollare. Dobbiamo continuare a lavorare duramente, presto arriveranno i momenti che contano in Serie A. La fascia di capitano? Sono molto orgoglioso e anche una responsabilità. Cerco di essere un esempio in ogni partita e in ogni allenamento. Non credo che sia cambiato il mio modo di giocare da quando sono diventato capitano, questo non c’entra. Mi piacciono le responsabilità“. Poi sulla tourneè aggiunge: “Sarà una bella occasione per fare bene davanti ai nostri tifosi che sono in Qatar. Sarà una partita molto bella contro un avversario fortissimo. Il calcio in questo Paese e nel Medio Oriente ha un grande seguito. L’Inter ha molti tifosi e noi non vediamo l’ora di incontrarli. Sappiamo che sono appassionatissimi del loro campionato, sanno tutto sul calcio mondiale. Tanti sono i top player che sono venuti a giocare qui, ora il torneo è un vero spettacolo“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *