Europei 2016, qualificazioni: tripletta Ronaldo, la Polonia vola con Lewandoski

Il resoconto delle 4 gare delle ore 18 di questa sesta giornata di qualificazioni agli Europei 2016 in Francia: non va oltre il pareggio l’Eire contro i “vicini” della Scozia; triplette per Cristiano Ronaldo e Lewandowski.

Cristiano Ronaldo. Fonte: Ludovic Peròn (flickr.com)
Cristiano Ronaldo. Fonte: Ludovic Peròn (flickr.com)

Girone D:
Irlanda-Scozia 1-1: tanta fisicità in una partita sentita e giocata a ritmi alti, quella dell’Aviva Stadium di Dublino. I padroni di casa si rendono protagonisti di un buonissimo primo tempo. Da subito attenti e propositivi i Verdi creano tanto e mettono non poche volte in difficoltà gli scozzesi. Sbloccano il risultato al 38′ con un gol in sospetto fuorigioco: Walters sugli sviluppi di un calcio d’angolo trasforma in rete un’imprecisa parata del portiere scozzese Marshall. Al secondo minuto della ripresa arriva il pareggio degli ospiti con Melaney: il suo tiro a giro trova la deviazione di un difensore irlandese e termina in porta.
Polonia-Georgia 4-0: allo Stadio Nazionale di Varsavia è la Polonia a fare la partita. Dopo un buon primo tempo, senza gol, ma con importanti azioni due delle quali vedono protagonista Lewandoski, nella ripresa arriva il primo grande gol con tiro da fuori area di Milik. La Georgia stenta a reagire e a pochi minuti dal fischio finale uno scatenato Lewandoski chiude la partita segnando addirittura 3 gol e facendo volare la Polonia a 14 punti nel girone D.
Girone F:
Finlandia-Ungheria 0-1: a Helsinki la Finlandia perde match e speranze di qualificarsi alla fase finale di Euro 2016, rimanendo a soli 4 punti nel suo girone. Da sottolineare il salvataggio sulla linea di porta al 54′ in una importantissima occasione da gol per l’Ungheria. Nella ripresa i padroni di casa si rendono più incisivi ma senza concretizzare nulla. È infatti l’Ungheria a trovare il gol della vittoria, invece, all’82’ grazie al tiro di Stieber.
Girone I:
Armenia-Portogallo 2-3: un perfetto calcio di punizione di Marcos Pizzelli da oltre 35 m porta in vantaggio inizialmente gli armeni, ma al 29‘ arriva il pareggio dei lusitani grazie al gol di Ronaldo su calcio di rigore per un fallo di Mkhitarian su Moutinho. Diversi errori della difesa armena permettono all’attaccante del Real Madrid di siglare, nel giro di 2 minuti nell’immediata ripresa, gli altri due gol della vittoria. È poi Mkanyan ad accorciare le distanze per l’Armenia: sfruttando una brutta respinta di Rui Patricio, mette in rete ma ciò non basta alle sorti del match.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy