6° Giornata Serie A: nel posticipo Atalanta-Sampdoria 2-1

L’ Atalanta di Eddi Reja batte la Sampdoria di Walter Zenga nel posticipo della sesta giornata e aggancia la Roma in classifica con 11 punti, a 4 punti di distanza dalla vetta.

Curva Atalanta Fonte: Davide Saracino
Curva Atalanta
Fonte: Davide Saracino

Partono subito forte i nerazzurri che al 6′ trovano il vantaggio, con un’autorete dell’ ex difensore dell’ Ajax Moisander, che sbaglia nel tentativo di rinviare un cross di Dramè. La Samp prova subito a rispondere, un minuto più tardi, con Eder, sul cui diagonale Sportiello si fa trovare pronto. Al 26′ Atalanta vicina al raddoppio, con un’azione personale di Gomez che da dentro l’area calcia in diagonale, la palla sfiora il palo ed esce; alla mezz’ora  ci prova di nuovo Eder per la Samp: l’attaccante italo-brasiliano anticipa tutti su cross di Barreto, ma calcia fuori. Al 32′ di nuovo bergamaschi vicini al raddoppio, con il giovane Grassi che calcia dalla distanza, con la sfera che deviata termina di poco a lato. Al 40′ cerca di nuovo gloria Gomez, Viviano è attento sulla sua conclusione. Nel recupero ci prova anche Kurtic, facile l’intervento dell’estremo difensore doriano.
Nella ripresa al 52′ Grassi serve Maxi Moralez che calcia però alto; al 61′ sponda di Gomez per Kurtic, il centrocampista ex Fiorentina calcia con la palla che termina di poco a lato. Al 65′ ci prova il neo entrato Denis, conclusione debole e centrale facilmente parata da Viviano; al 69′ Kurtic viene anticipato all’ultimo su una sponda di Paletta, mentre un minuto più tardi è Toloi a mancare la deviazione a rete per pochi centimetri su assist di Migliaccio. Al 71′ blucerchiati vicini al pareggio, con un missile di Soriano dal limite deviato da una grande parata di Sportiello. Al 91′ l’ Atalanta raddoppia: uno-due Denis-Maxi Moralez, con il primo che si presenta tutto solo davanti a Viviano e non sbaglia. Passa un minuto e la Sampdoria accorcia le distanze con Barreto che serve dentro l’area Soriano, tiro a colpo sicuro del centrocampista italo-tedesco che batte Sportiello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *