Javier Zanetti, avere 40 anni e non sentirli

Con un lungo articolo sul suo sito internet, l’Inter festeggia i 40 anni del capitano Javier Zanetti.

Javier Adelmar Zanetti Foto di Fra231 - Wikipedia
Javier Adelmar Zanetti
Foto di Fra231 – Wikipedia

“Che dire di un campione che ha vinto tutto e di cui si è detto tutto? Oggi compie quarant’anni Javier Zanetti, uno che ha sbaragliato ogni record, che è stato grandioso perfino nell’unico stop di rilievo della sua carriera, l’infortunio da cui si sta riprendendo. Umile ed esagerato nella sua costanza, in quel senso religioso della vita che lo ha portato a essere generoso e leale, ormai abbiamo quasi dimenticato quel giorno d’estate in cui è arrivato a Milano da ragazzo, con la valigia in mano, diciotto anni fa, finendo convinti che lui sia per antonomasia il Capitano. Che sia già nato così, con la fascia al braccio, e destinato (per il momento), a collezionare 845 presenze in nerazzurro, realizzando 21 gol”. Continua poi: “Nato il 10 agosto 1973 a Buenos Aires, sotto il segno del Leone. Per chi ci crede, è il segno zodiacale connotato della forza, della generosità e della fierezza. Tutto torna, amiamo Javier perché ormai è merce rara. È un punto di riferimento preciso e ci siamo sentiti tutti un po’ orfani quando ne abbiamo dovuto fare a meno nelle ultime partite della scorsa stagione. È tornato ad allenarsi due settimane fa, sui campi americani, ma in realtà non si è mai fermato, con una tabella puntigliosa da seguire nel suo programma di recupero. Sua moglie Paula, un’estate di tanti anni fa, in cui i loro tre figli non erano neanche in arrivo, ci raccontò di averlo coinvolto in un viaggio ’zaino in spalla’ nel deserto, e come risultato, lui correva sulle dune torride proprio con lo zaino sulle spalle per mantenersi in forma. Buon compleanno Capitano. Ti aspettiamo in campo. Come regalo, hai un angolo del nostro cuore tutto per te”.  L’obiettivo è tornare disponibile tra dicembre e gennaio. Zanetti in una recente intervista ha dichiarato: “Manca sempre meno. È strano vedere i miei compagni allenarsi e non poterlo fare io, ma penso a guarire al meglio e poi sarò con loro”. Il prossimo campionato sarà il diciannovesimo per Javier con la maglia nerazzurra, una seconda pelle (845 partite in totale); al termine della scorsa stagione, nonostante l’infortunio, l’Inter si è dimostrata riconoscente rinnovandogli il contratto per un altro anno. Pupi è uno degli ultimi fedelissimi del nostro calcio: dopo il ritiro di Maldini e l’addio alla Juventus di Del Piero, è Totti l’altra bandiera rimasta a sventolare in serie A. Quando deciderà di appendere gli scarpini al chiodo, per Zanetti è già pronta una scrivania da dirigente, ma ora sente di poter offrire il suo contributo ancora sul campo e suona già la carica: “Voglio tornare a essere protagonista”. Voci di corridoio dicono che, una volta che l’argentino deciderà di smettere, la sua numero 4 verrà ritirata ma per ora el tractor è un calciatore a tutti gli effetti e noi di Soccermagazine.it vogliamo augurargli una pronta guarigione, sperando che si possa riprendere nel migliore dei modi. Tanti auguri Javier Zanetti!

 

I TESTI E I CONTENUTI PRESENTI SU SOCCERMAGAZINE.IT POSSONO ESSERE RIPORTATI SU ALTRI SITI SOLO PREVIA CITAZIONE DELLA FONTE. OGNI VIOLAZIONE VERRA’ PUNITA.

Per rimanere aggiornati sulle nostre altre esclusive, vi consigliamo di seguire la pagina fan di Soccermagazine su Facebook.

Alessandro Davani

Alessandro Davani

Giovane giornalista alle prime armi. Amo cucinare, ascoltare musica ed il calcio. Seguo anche il Motomondiale, la F1, i Lakers (e l'NBA in generale) ed il rugby.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi. Cookie policy