Il Milan e il mistero di Van Ginkel

Qual’è il mistero che lega il Milan e Van Ginkel?

Marco Van Ginkel - Fonte: Conceited 2,  wikimedia.org
Marco Van Ginkel – Fonte: Conceited 2, wikimedia.org

Il centrocampista del Milan classe ’92 di proprietà del Chelsea si aspettava sicuramente un’altra esperienza nel campionato italiano, ma un infortunio alla caviglia nel giorno del suo debutto a Empoli ha guastato i piani, inoltre dopo una stagione passata quasi interamente in infermeria. Solo 30 minuti, giocati dall’olandese in queste 10 giornate di campionato e nemmeno i problemi riscontrati nel suo reparto gli hanno concesso quell’opportunità che invece contro il Palermo è stata data a Saponara.

Le scelte di Inzaghi, concedono sicuramente un senso di mistero. Van Ginkel era stato nominato come il giocatore che avrebbe portato ottime novità e equilibri della rosa, accettando addirittura le condizioni del prestito secco che a giugno prevedono un ritorno certo al Chelsea e i continui tentennamenti del diretto interessato.

Van Ginkel è un giocatore con qualità diverse rispetto a giocatori dello stesso reparto: ha gamba per fare la fase difensiva e quella offensiva con la stessa efficacia, ha personalità per prendersi le responsabilità e tutte le doti richieste ad un centrocampista di spessore, eppure non gioca. Mourinho lo ha paragonato al primo Lampard, Inzaghi invece non lo vede a prescindere e dietro queste ripetute esclusioni aleggia un sospetto. Quello secondo cui van Ginkel sia stato voluto fortemente da Galliani  ma non dall’allenatore, chiamato però a proporre soluzioni nuove e coraggiose per tirare fuori il Milan dal pantano in cui si è infilato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *