Milan, senti Poli: “Torneremo grandi”

Andrea Poli era già considerato grande ai tempi dell’Inter di Mourinho.  

Fonte immagine: Tommaso Naccari
Fonte immagine: Tommaso Naccari

Arrivato al Milan con grandi aspettative, soprattutto per essere un giovane italiano con un futuro tutto da scrivere, ha sempre dimostrato il fatto suo. Ora, come tutto l’ambiente rossonero, sta attraversando un momento difficile, ma lui è sicuro: “Torneremo grandi”. Attraverso le pagine della Gazzetta dello Sport, il centrocampista veneto ha parlato di questo periodo complicato, toccando anche i temi della Nazionale e degli obiettivi di fine stagione. Ecco le sue parole:

“Il periodo non è buono. Sono stato spesso infortunato e questo ha inciso molto. In ogni caso tutti potevamo fare di più, io per primo mi assumo le mie responsabilità. Non siamo contenti, ma possiamo ripartire proprio da quello zoccolo italiano presente nello spogliatoio. Tutti possiamo essere leader. Quando il Milan comandava in Europa, gli italiani hanno dato una grande mano. Come esempio c’è la Juventus che sta dominando da quattro anni. Io non mollo mai e abbiamo tanta voglia di tornare in Europa. Lì emerge il nostro dna. Nell’ultima edizione eravamo in 10 contro 11 con l’Ajax e abbiamo saputo tenere duro”.

Poli si è soffermato anche sulla Nazionale: “Non ero pronto per essere convocato. Il mio obiettivo è esserci per Croazia – Italia. Ho avuto la fortuna di allenarmi con Conte ed è un grandissimo tecnico. Ho tanta speranza di ritornare in gruppo, ma prima devo tornare a fare bene con il Milan”.

Ha speso poi alcune parole proprio sui suoi allenamenti con il Milan e la volata finale della stagione: “Eseguo degli allenamenti specifici cercando di rimanere sempre lucido. Inzaghi, che di gol ne ha fatti tanti, mi aiuta in questo. Vorrei segnare di più, devo essere più concreto sotto porta. Ora abbiamo l’obbligo di fare bene fino a fine stagione. Il derby con il tutto esaurito sarebbe una cosa grandiosa, il clima sarebbe molto più caldo di quello di qualunque derby estero”.

Di centrocampisti come Poli ce ne sono tanti in circolazione. Andrea ha due modelli: “Pogba e Iniesta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *