Verona-Fiorentina 0-2, le pagelle dell’Hellas: Sala si salva, fantasma Jankovic

Momento No per il Verona che perde anche in casa contro una Fiorentina decisamente più attrezzata e reattiva: l’autogol sfortunato di Marquez apre le danze, poi Kalinic sigla il raddoppio che manda in crisi nera la squadra di Mandorlini alle prese ancora con le troppe assenze. Ecco le pagelle del Verona.

Fonte www.hellasverona.it
Fonte www.hellasverona.it

VERONA

Gollini 5,5 – Nell’azione del gol dell’1-0 esce col tempo sbagliato e si fa anticipare dalla testa di Kalinic che dà il via al flipper risolto da Marquez.  Nell’azione del raddoppio non azzarda l’uscita bassa.

Souprayen 5,5 – Dopo un primo tempo in cui limita i danni soffre nella ripresa l’impatto di Bernardeschi sul match: il talento di Carrara porta molti più fraseggi sull’out mancino del Verona e lui va sistematicamente in difficoltà.

Moras 5,5 – Si smarrisce quando non ha un centravanti statico da marcare e lo svariare continuo di Rossi e Kalinic lo mette ancor di più in difficoltà. La ripresa di Ilicic infine lo costringe ad interventi sempre al limite.

Marquez 5,5 – L’autogol è ovviamente dovuto alla sfortuna ma la chiusura sul taglio di Kalinic non è perfetta. Amministra la difesa nella ripresa per evitare il naufragio più totale nella piovosissima serata del Bentegodi.

Pisano 5,5 – Ci mette il cuore ma spesso anche troppa veemenza.  Rischia seriamente l’espulsione ma è uno dei pochi che sembra crederci.

Greco 4,5 – In campo di lui non c’è traccia: non imposta, non corre, non recupera palloni. Difficile spiegarsi come mai non sia stato sostituito ma la sua prestazione in campo senza colonne portanti come Viviani e Halfredsson accanto è decisamente deludente.

Matuzalem 5 – Costantemente in ritardo e spesso pericolosamente falloso. Prende il cartellino giallo al terzo brutto intervento e viene graziato dal rosso dall’arbitro Valeri. Serviva più qualità per provare ad avere un gioco più fluido ma il suo mancino gioca davvero pochissimi palloni interessanti. Dall’83 Checchin s.v.

Ionita 5 – Corre tanto ma corre male: tanti, troppi falli sconclusionati che aiutano poco il Verona. Mandorlini sacrifica lui per provare a cambiare le sorti di una gara storta. Dal 64’ Siligardi 5,5 – Pochissime giocate, il suo ingresso non cambia la faccia di un Verona a terra.

Jankovic 4,5 – Mai pericoloso e totalmente prevedibile. Non salta mai l’uomo e non tenta nemmeno una conclusione verso la porta. Il peggiore in casa Verona.

Juanito Gomez 5,5 – In una posizione non sua non riesce a fare gli straordinari, soprattutto con un Astori così in forma. È il giocatore che al momento paga più di tutti il prezzo degli infortuni di Pazzini e Toni.

Sala 6 – Nel primo tempo riesce a creare qualcosa di buono sulla fascia destra anche se il miglior risultato è ottenere qualche corner. Si stanca troppo facilmente ma è sicuramente il più positivo del Verona di stasera. Dal 69’ Zaccagni 6 – Entra e dimostra buone proprietà tecniche, poi esagera e perde il pallone. Non la serata più facile per un giovane alla seconda assoluta in Serie A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *