Serie B, Perugia-Catania 1-0: Falcinelli manda a picco il Catania

Allo stadio “Renato Curi” di Perugia la formazione di casa mette a segno la terza vittoria di fila contro un’altra delle formazioni che sulla carta avrebbero dovuto lottare per la promozione, e raggiunge la testa solitaria della classifica.
Fonte immagine: Daniele Azzarelli, Flickr
Fonte immagine: Daniele Azzarelli, Flickr

Formazione stravolta per Pellegrino, con ben cinque sostituzioni rispetto alla gara di Vercelli, mentre Camplone conferma per la terza volta consecutiva l’undici di partenza che ha ben figurato contro Bologna e Bari.

Inizio del match equilibrato, con il Perugia leggermente più pericoloso del Catania grazie a due punizioni di Taddei, entrambe ribattute di pugno da Frison. Al quarto d’ora primo episodio dubbio della gara: Del Prete cade in area di rigore, colpito secondo i perugini da un intervento da dietro di Capuano, Mariani però lascia proseguire.

Al 19′ provvidenziale intervento di Provedel, portiere classe 94′ scuola Chievo, che esce quasi da libero per bloccare un pericoloso passaggio di Leto in direzione di Martinho.

Il Perugia alza i ritmi alla mezz’ora, prima con un’insidiosa punizione del solito Taddei dalla sinistra, poi con due conclusioni dalla distanza di Falcinelli e Verre. Termina senza molte emozioni il primo tempo al “Curi”, con una statistica che sicuramente impensierisce mister Pellegrino: nessun tiro in porta per il suo Catania, contro i 5 tiri subiti dalla difesa etnea.

La seconda frazione di gioco ricomincia con una sostituzione destinata a far discutere: Anania, portiere acquistato dal Catania a mercato ormai terminato (poiché svincolato dal Livorno) prende il posto di Frison. Dopo soli 5 minuti dall’inizio della ripresa seconda sostituzione tra le fila rossazzurre: Castro rileva Leto, il quale non accetta né la sostituzione né la stretta di mano del suo allenatore, calciando anche una borraccia a bordo campo.

Al 64′ brivido per il Catania: Taddei dalla lunga distanza trova la traiettoria giusta per far partire il destro, ma Anania riesce a sfiorare la sfera, spedendola sul palo e negando il goal al centrocampista ex Roma. Primo cambio per Camplone: Parigini prende il posto di Rabusic.

Secondo episodio dubbio al 70′, quando il direttore di gara assegna un calcio di rigore al Perugia, a causa di un tocco mano di Capuano: il difensore viene colpito da un rimpallo, e quindi l’intervento non è sanzionabile secondo il regolamento. Il karma però ci mette lo zampino: dal dischetto Taddei sbaglia, ipnotizzato da Anania, il quale non si fa sorprendere neanche sulla ribattuta. Qualche minuto più tardi seconda sostituzione tra le fila del Grifo: fuori Fazzi dentro Fossati

Al 80′ esplode il Curi: Falcinelli salta di tesa indisturbato tra Spolli e Gyomber, colpisce di testa e regala alla sua curva la gioia del vantaggio. Poco più tardi Martinho, servito da Peruzzi, prova a rispondere a Falcinelli, ma il suo colpo di testa va alto sopra la traversa.

Ultimi cambi per parte: per il Perugia, fuori Verre dentro Nicco. mentre per il Catania Pellegrino tenta il tutto per tutto sostituendo il centrocampista Calello con l’attaccante Cani.

Nei minuti di recupero secondo giallo per Comotto, reo di aver steso Rosina, padroni di casa in 10.
Gli etnei cercano in tutti i modi di trovare la via del goal con numerosi lanci lunghi in direzione delle due punte, Calaiò e Cani, ma nessuno riesce a rendersi veramente pericoloso.

La partita termina sull’1-0, gioia incontenibile per tutti i tifosi del Grifo, accorsi numerossisimi allo stadio oggi, panchina sempre più in bilico per Pellegrino.

Il migliore: Verre (Perugia). Il centrocampista perugino, nonostante la giovane età, offre oggi una grandissima prestazione agli spettatori presenti allo stadio. Giovane dalle grandissime prospettive.

Il peggiore: Pellegrino (Catania). L’allenatore è sempre colui il quale paga per le colpe di tutta la squadra, e anche stavolta il mister rossazzurro non potrà esimersi dal farlo. Manda in campo un’incerto Frison, salvo poi ravvedersi, e non riesce a prendere mai davvero in mano le redini della partita. E’ evidente che la squadra non non lo segue più.

TABELLINO
Perugia-Catania: 1-0

Reti: 80′ Falcinelli

Perugia: 22 Provedel, 6 Goldaniga, 29 Giacomazzi, 25 Comotto, 18 Del Prete, 7 Verre (dal’85′ Nicco), 10 Taddei, 17 Fazzi (dal 75′ Fossati), 15 Crescenzi, 9 Falcinelli, 26 Rabusic (dal 66′ Parigini). A disp: 1 Koprivec, 33 Vinicius, 2 Flores, 3 Lo Porto, 14 Lignani, 13 Rossi. All. Camplone
Catania:1 Frison (dal 46′ Anania); 2 Peruzzi, 23 Gyomber, 5 Spolli, 24 Capuano; 20 Chrapek, 16 Calello (dal’85′ Cani); 11 Leto (dal 50′ Castro), 10 Rosina, 6 Martinho, 9 Calaiò. A disp: 28 Parisi, 18 Monzon, 8 Escalante, 13 Garufi, 27 Jankovic, 7 Marcelinho, 17 Çani. All. Pellegrino
Arbitro: MarianiAmmoniti: Leto (CT), Capuano (CT), Giacomazzi (PG), Calello (CT), Anania (CT), Verre (CT), Comotto (PG).

Espulsi: Comotto al 90′+1′

Federica Susini

Federica Susini

Aspirante giornalista sportiva per passione, studio giurisprudenza presso la facoltà di Catania. Gioco a pallavolo, mi piacciono le serie tv e il mio tempo libero amo trascorrerlo con le persone care.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *