C. League, Roma-Real Madrid 0-2: blancos cinici, sfortuna giallorossa

All’ Olimpico è andata in scena Roma-Real Madrid.  

Fonte: Francesco Mula de Haro, flickr
Fonte: Francesco Mula de Haro, flickr

La gara d’andata degli ottavi di Champions League avrebbe dovuto vedere Benitez contro Garcìa, ma il destino ha cambiato le carte in tavola. Zidane Spalletti si sono scontrati in un match pienamente equilibrato, in alcune fasi addirittura meglio i padroni di casa. Il Real è stato cinico, la Roma condizionata dalla sfortuna e dall’arbitraggio. Mancherebbero due rigori e qualche cartellino qua e là. Ronaldo ha sbloccato la partita con una magia, il giovane Jesè l’ha chiusa. Ottimo Salah, meritava almeno un gol. Di seguito vi proponiamo la cronaca del match con i voti nel tabellino. 

Avvio vivace per entrambe le formazioni. Il Real ha fatto intravedere fin da subito le proprie qualità, ma i giallorossi hanno mantenuto le linee strette approfittando degli errori avversari per ripartire sull’asse Salah-Perrotti. La prima vera occasione è della Roma: fluida discesa dell’ex Genoa sulla destra, palla in mezzo per El Shaarawy che tira troppo alto.  I padroni di casa giocano palla a terra arrivando facilmente in area avversaria, uomini ben disposti in campo da Spalletti. Al 32′ un super Marcelo sfrutta l’assist di Ronaldo e al volo sfiora a giro il palo. Da qualche minuto i blancos hanno preso in mano le chiavi del gioco con un possesso palla nettamente superiore, anche se non sono mancati i pericoli per le discese di Salah, spesso fine a sè stesse. Al 44′ Vainquer manda a campo aperto il faraone, ma un intervento prodigioso di Varane evita il suo tiro. In questo primo tempo si è vista una Roma attenta e concentrata. Buone azioni degli uomini di Zidane, ma si va negli spogliatoi sul risultato di 0-0.

Il secondo tempo è iniziato con colpi da una parte e dall’altra. Partita sempre ferma, ma aperta a qualsiasi risultato. Al 55′ un grandissimo lancio di Florenzi pesca El Shaarawy che non trova il guizzo vincente, ottima lettura di gioco di  Navas, anche se l’intervento è dubbio al limite del calcio di rigore. Dopo 2 minuti il Real Madrid passa in vantaggio: azione letale di Cristiano Ronaldo sul filo del fuorigioco, condita da una giocata, frenata improvvisa e gol a giro nell’angolino in alto a destra. La Roma risponde poco dopo con un bel calcio di punizione di Florenzi, ma Navas si fa trovare pronto con un bel tuffo in avanti. Il gol ha svegliato i blancos che cercano il raddoppio. La Roma però ci crede: bella azione offensiva con Salah e Dzeko e sulla respinta ci prova Vainquer con una sassata che sfiora la porta. Subito dopo è ancora Ronaldo a seminare pericolo in area avversaria: colpo di testa, la palla lenta esce ad un passo dal palo. Al 78′ assist di Pjanic per Dzeko che illude l’Olimpico con un tiro che finisce a contatto con la rete esterna.  Continua a costruire la squadra di Spalletti, ma a 5′ dalla fine viene beffata con il raddoppio del neo entrato Jesè. Dopo 3 minuti di recupero, finisce 2 a 0 la sfida di andata di questi ottavi di finale.

TABELLINO:

Roma (4-3-1-2): Szczesny 6, Florenzi 6.5 ( dall’86’ Totti s.v.), Manolas 6.5, Rudiger 6, Digne 6, Pjanic 6, Vainquer 6,5 (dal 77′ De Rossi 6), Nainggolan 6, Perotti 6.5, Salah 7, El Shaarawy 6 (dal 63′ Dzeko 6) All. Spalletti 6

Real Madrid (4-3-3): Navas 6.5 ,Carvajal 6, Ramos 7, Varane 6.5, Marcelo 7, Modric 6, Kroos 6.5, Isco 6.5(dal 63′ Kovacic 6), James Rodriguez 6 (dal 81′ Jesè 7) , Benzema 6, Ronaldo 7.5 (dall’88’ Casemiro s.v.). All. Zidane 7

Ammoniti: Varane al 61′, Sergio Ramos all’85’ (RM)

Espulsi: nessuno

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *