Calciomercato Juventus, in pole sul talento del Sant’ Omero

La Juventus è pronta a piazzare un colpo per il futuro. Infatti, secondo l’esperto di mercato Alfredo Pedullà, il club bianconero sarebbe disposta nei prossimi giorni a sottoscrivere un contratto ad Alessio Di Massimo, talentuoso classe 1996 in prestito in Serie D all’Avezzano, ma di proprietà del Sant’Omero, club militante in Promozione.

Alessio Di Massimo  Fonte:  www.marsicasportiva.it
Alessio Di Massimo Fonte: www.marsicasportiva.it

Di Massimo è un diciannovenne, attaccante esterno con all’attivo 36 gol in 69 presenze tra Promozione e Serie D ( 5 gol in 7 presenze quest’anno con l’Avezzano). Secondo Pedullà, gia parecchi club di A e B hanno messo gli occhi sul giocatore, ma gli osservatori della Juventus ne sarebbero rimasti estasiati. L’idea sarebbe quella di acquistarlo subito per poi girarlo in prestito a gennaio.

Dalla pagina ufficiale di Pedullà, riportiamo integralmente l’intervista che è stata rilasciata dal presidente del Sant’Omero Costantino Biancucci:

Per noi Alessio è un orgoglio, un gioiellino che abbiamo formato e forgiato nella nostra scuola scalcio, lanciandolo in prima squadra a 16 anni, si vedeva già che era un fuoriclasse. Il suo talento era così evidente che da subito iniziarono a fargli battere anche i rigori a dispetto della giovanissima età, persino nei frangenti più delicati. Ad esempio ricordo una partita accesissima contro il Cologna di Roseto, vincemmo 3-2 e Di Massimo sfoderò una prestazione mostruosa. Realizzò una tripletta, segnando il penalty decisivo al 90’, e alla fine anche i tifosi avversari si alzarono in piedi per applaudirlo. La scorsa stagione lo abbiamo mandato in prestito in Eccellenza all’Alba Adriatica, quest’anno all’Avezzano nella categoria immediatamente superiore, seguendo un processo di crescita coerente”.

Per me Alessio è come un figlio, con il papà che conosco da sempre siamo quasi coetanei e, per quanto mi riguarda, gli sto accanto costantemente sentendolo praticamente ogni giorno. Gli dico sempre che deve pensare a lavorare sodo e restare umile, ma potrei anche evitare di farlo perché è un ragazzo con la testa sulle spalle, supportato da un ambiente sano, sia a livello familiare che societario. Merita veramente tanto, sa che la strada da fare è ancora lunga e che, anche se si concretizzasse il passaggio ad una squadra importante, non dovrebbe mai sentirsi arrivato, dovrà avere sempre questa fame. Chi lo prende fa veramente l’affare ed io, quando indosserà maglie importanti, non potrò che piangere di gioia”.

Non stupitevi se vi dico che per me è già pronto anche per la Serie A, sia fisicamente che a livello di testa, al di là del repertorio tecnico che è chiaramente di primissimo ordine. Già adesso viene raddoppiato sistematicamente quando ha la palla al piede, anche perché se parte in progressione è devastante. Gli avversari lo conoscono e lo francobollano alla vecchia maniera, marcature che avevo visto applicate ai grandi del calcio, ai Maradona e Del Piero per intenderci! E in ogni caso riesce sempre a fare la differenza, malgrado le attenzioni particolari che gli vengono riservate sul campo. Alessio è un motivo di vanto per noi del Sant’Omero, per l’Avezzano che ci ha puntato quest’anno, ma anche per tutto l’Abruzzo. E può esserlo anche per l’Italia, siamo un Paese che ha vinto quattro Mondiali ma che ultimamente sta rivolgendo poca attenzione ai giovani italiani, puntando su troppi elementi stranieri anche a livello di vivai, un qualcosa che non giova al movimento. Nessun ostracismo verso i ragazzi che vengono dall’esterno, per carità, ma anche i nostri vanno tutelati. Nel futuro di Di Massimo c’è sicuramente qualcosa di importante, noi del Sant’Omero continueremo a lavorare per sfornare altri prospetti di livello”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *