Champions League, Sabatini commenta Barcellona-Roma: “Le sconfitte non hanno un colpevole”

Sabatini a Luis Enrique dopo Barcellona-Roma: “Ci hai massacrato ma ci hai fatto capire molte cose”.

Fonte: Oh-Barcelona.com (Flickr.com)
Fonte: Oh-Barcelona.com (Flickr.com)

Il d.s. della Roma Sabatini esprime il suo parere sul match di ieri sera al Camp Nou, dove la Roma è stata annientata dalla corazzata blaugrana del Barcellona per 6-1. Ed una prestazione che lascia a desiderare degli uomini di Garcia nella roccaforte di un inarrivabile Barça, hanno facilitato il gioco di Messi e compagni.

Contraccolpi? Non credo, siamo già passati per un’esperienza molto negativa l’anno scorso, dobbiamo saper porre rimedio da un risultato molto molto negativo come questo senza piangerci addosso o parlare di autostima crollata. Abbiamo giocato contro una formazione straordinaria in un momento straordinario. Niente scuse, è una bruttissima botta ma siamo dispiaciuti e niente più”, ha dichiarato Sabatini che, ci crede e prosegue: “Non ha funzionato nulla, non ci ha aiutato troppo l’idea di poterla perdere questa partita, perché il risultato di Borisov ci autorizzava a perderla. I giocatori della Roma possono fare molto di più, lo sanno e hanno sempre saputo reagire dopo situazioni come queste“. Il d.s. giallorosso poi, da quanto leggio ma sulla Gazzetta dello Sport, svela anche un retroscena, ossia l’abbraccio con Luis Enrique al quale ha detto: “Ci hai massacrato ma ci hai fatto capire molte cose”.

Sconfitta da prevedersi davanti ad un super Barça in un ottimo stato di forma, nonostante potesse chiudersi con un risultato meno pesante per la squadra italiana. E per finire Sabatini esorta a fare di questa partita esperienza per andare avanti e crescere: “Tutte le partite ti raccontano una storia, lo devo capire io, lo deve capire l’allenatore e lo devono capire i giocatori. Non è che le sconfitte debbano avere un colpevole: abbiamo preso subito gol e siamo andati un po’ nel pallone. La difesa? Prendiamo qualche gol in più, ma è anche vero che ne facciamo tanti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *