Coppa Italia, la Juventus ipoteca la finale di Roma: 3-0 all’Inter

Nella semifinale di andata di Coppa Italia, la Juventus supera con un netto 3-0 l’Inter ipotecando la finale che si giocherà a maggio all’Olimpico.

morata juventus
Alvaro Morata Fonte: www.goal.com

Allo Stadium va in scena un big match assoluto del calcio italiano, con di fronte la Juventus e l’Inter. Le due squadre propongono due squadre molto coperte in fase difensiva, attente però a far male appena se ne presenta l’opportunità. La prima capita alla Juventus dopo solamente due minuti di gioco, quando Morata apre su Asamoah che si infila in area ma calcia a lato con il sinistro. Al minuto 14 il primo episodio che fa discutere: Cuadrado batte una punizione all’interno dell’area, Medel la tocca con il braccio ma Tagliavento non assegna il rigore che sembra evidente. L’Inter prova a farsi vedere dalle parti di Buffon e a scaldare i guantoni del portiere della nazionale ci pensa D’Ambrosio con un tiro dalla distanza che viene parato. Al ventunesimo la Juve è ancora davanti a cercare il gol con un destro rasoterra dal limite di Cuadrado che sibila il palo destro di Handanovic. Al 34esimo la svolta: Cuadrado scambia con Morata che lo lancia verso Handanovic ma Murillo lo spinge e lo stende: per Tagliavento è rigore e dal dischetto va Morata che firma l’1-0. Nei minuti finali la Juventus si propone altre due volte: prima un sinistro fuori di Marchisio, poi un colpo di testa di Morata su calcio di punizione che Handanovic para.

Nella ripresa succede poco fino all’ora di gioco, precisamente al 63’ quando la Juventus raddoppia ancora con Morata, bravo a girare di potenza dopo un errore di Felipe Melo. L’Inter prova a reagire e lo fa con un colpo di testa di Murillo su punizione che Neto blocca in volo plastico. Poco dopo, un altro colpo per l’Inter: Murillo commette un altro fallo su Cuadrado lanciato a rete, per Tagliavento è cartellino giallo e quindi rosso. A quasi dieci minuti dalla fine Morata sfiora il terzo gol di giornata quando da un cross di Pogba, calcia alto da pochi passi, divorandosi un gol clamoroso. Ma è solamente il preludio al 3-0 che arriva all’83esimo quando Asamoah crossa in mezzo trovando il sinistro di prima di Dybala che passa sotto le gambe di Handanovic e firma il trionfo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *