Europa League, Lazio-Rosenborg: 3-1 per i biancocelesti

All’Olimpico la Lazio si impone sul Rosenborg per 3-1. Dopo l’espulsione di Mauricio ad inizio partita e qualche fiammata dei norvegesi, i ragazzi di Pioli sbloccano la gara alla mezz’ora di gioco con il tiro di Matri. Il raddoppio arriva ad inizio ripresa, ma qualche errore di troppo in difesa permette al Rosemborg di riaprire la gara e sfiorare addirittura il pari. A mettere la partita in cassaforte ci pensa Candreva che sbaglia un calcio di rigore ma va ugualmente in goal sulla respinta del portiere.

Lazio-Chievo - Fonte: Fanciano
Lazio-Chievo – Fonte: Fanciano

Una Lazio che parte davvero a ritmi elevatissimi e che sfiora il goal già al 3′, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo, prima Hoedt e poi Mauri spediscono la palla direttamente sulla traversa. Soltanto tre minuti più tardi però la gara si mette in salita perché Mauricio è costretto ad abbandonare il campo e lasciare i suoi in inferiorità numerica. I biancocelesti non riescono ad organizzare nessuna manovra offensiva e arrivano anche vicino allo svantaggio quando il Rosenborg con Bjordal approfitta di una dormita difensiva per tentare la conclusione sugli sviluppi di un corner.

Al 28′ però i ragazzi di Pioli trovano la giusta reazione e riescono a sbloccare il risultato grazie a Matri che raccoglie un tiro filtrante di Candreva e manda la palla in porta da pochi passi. La squadra scandinava prova immediatamente a ristabilire la parità prima con un tocco morbido in area di Skjelvik, deviato miracolosamente da Berisha, poi con una potente incornata di Soderlund che si infrange direttamente sul palo.

Il pressing dei norvegesi continua anche nella ripresa, ma è ancora la Lazio ad andare in goal al 54′, questa volta con un destro precississimo di Felipe Anderson che sfrutta al meglio il passaggio di Matri. Pur giocando in inferiorità numerica, sono i biancocelesti a tenere in mano il pallino del gioco e a gestire bene la palla, chiudendo bene gli spazi per non permettere ai giocatori del Rosenborg di rendersi pericolosi.

Il Rosenborg però riescono ugualmente a rimettersi in gioco a venti minuti dalla fine con Soderlund che sul passaggio di Skjelvik anticipa bene Gentiletti e di testa segna la sua prima rete in Europa League; il centravanti sfiora il pari soltanto qualche minuto dopo sfruttando sempre un errore del difensore argentino, ma questa volta il suo colpo di testa finisce a lato. All’80’ la Lazio ha l’opportunità di chiudere la partita grazie ad un rigore conquistato da Radu: dal dischetto va Candreva che sbaglia il tiro, ma mette ugualmente la palla in rete sulla respinta del portiere. Proprio nei secondi finali l’arbitro fischia un penalty per il Rosemborg, ma Berisha riesce a neutralizzareil tiro di Soderlund.

Nonostante qualche disattenzione difensiva, la Lazio conquista tre punti importanti e consolida la vetta della classifica del gruppo G. Fanalino di coda invece il Rosenbrog, ultimo con soltanto un punto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *