Fiorentina-Roma, Garcia: “Sono contento, i ragazzi tatticamente e mentalmente sono stati fortissimi”

 Rudi Garcia, tecnico della Roma, parla ai microfoni di MediasetPremium della vittoria contro la Fiorentina. I tre punti conquistati al Franchi valgono il primato in classifica. Queste le sue dichiarazioni:

Rudi Garcia (Fonte: Riccardo Cotumaccio)
Rudi Garcia (Fonte: Riccardo Cotumaccio)

Sono contento del contenuto della partita, il risultato è arrivato grazie a un atteggiamento giusto tecnicamente e mentalmente, i ragazzi hanno seguito il piano di gioco che prevedeva di pressare per segnare subito, con un bel gol di Salah, che ha giocato la sua partita. Poi abbiamo deciso che in vantaggio era il caso di aspettare per colpire in contropiede”.

Sulla prestazione di Salah e Gervinho: “Sono la dimostrazione che in questa squadra ognuno lavora per il branco. Lo fanno con tutto il loro cuore e la qualità, non era semplice difendere sulle fasce e ripartire, l’hanno fatto benissimo”.

Le dichiarazioni sullo scudetto?Io sono uno che dice le cose a seconda del momento, non torneremo ancora sul dopo Juve-Roma dell’anno scorso, basta! Non ho rimpianti, hanno risollevato la squadra che è arrivata seconda e in Champions League, cosa che non sarebbe stata possibile altrimenti. Dopo un quarto di campionato siamo primi, c’è tanta strada da fare, non è la presa di posizione in classifica che ci rende favoriti. I ragazzi non hanno mollato mai, non abbiamo fatto sempre bene ma per essere primi abbiamo fatto un po’ bene. 

Florenzi è uno dei migliori esterni d’Europa? Lo penso da tanto tempo, Florenzi è un giocatore d’oro, può giocare su tutta la fascia destra, lo fa a meraviglia. Può giocare in tre ruoli, questa volta ha giocato terzino, forse dovrebbe essere pagato per tre”.

Sui fischi a Salah Ho parlato con lui, parlo sempre con i miei giocatori. Volevo sapere come si aspettava la cosa, l’ho visto tranquillo. L’unico punto negativo è il cartellino rosso, che mi sembra molto severo. È vero, non doveva fare quel gesto, ma non parla neanche italiano. Non ha detto nulla. Ha subito insulti da diversi giorni, se questo è un rosso ci saranno tanti rossi. Ma è così, rispetto la decisione dell’arbitro, di Orsato, che ha fatto una buona partita”.

Cosa è successo dopo con Orsato? “Mi ha detto che era stato insultato, ma non è possibile. Ha fatto il gesto, ma si capisce che sul piano psicologico è stato bravo a non rispondere ai colpi ricevuti. Squadra poco concentrata se tranquilla? Questa sera è stata una partita che darà tanta fiducia sul piano difensivo. Anche in 10 ha difeso bene. I giocatori hanno fatto tante corse, tanto pressing, tanti duelli, non abbiamo sofferto quasi per nulla. Quando la squadra vuole difendere lo fa bene, sono contento”.

Il gol preso? Dovevamo fare meglio, ma c’è stanchezza. Per una volta non dico nulla”. Le ripartenze? Potevamo fare il terzo gol, anche un quarto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *