Liga, 10° turno: il Barcellona espugna Getafe, vincono anche Valencia e Villareal

Il Real Madrid chiama, il Barcellona risponde. Dopo la vittoria dei blancos oggi pomeriggio contro il Las Palmas, il Barça riaggancia subito in vetta la squadra di Rafa Benitez espugnando il Colisseum Alfonso Perez di Getafe: 2-0 il risultato finale con i blaugrana che hanno vita facile contro gli azulones di Fran Escribà.

Andres Iniesta e Sergio Busquets (fonte: Clément Bucco-Lechat, own work, wikimedia.org)
Andres Iniesta e Sergio Busquets (fonte: Clément Bucco-Lechat, own work, wikimedia.org)

Dopo il pari deludente contro il Vilanovense in Copa del Rey (arrivato comunque con tutte le riserve), il Barcellona riprende la marcia inarrestabile in campionato mettendo dentro il terzo successo consecutivo anche grazie all’apporto di Suarez e Neymar, veri fuoriclasse della squadra, che riescono a sopperire la mancanza di Lionel Messi.

I primi minuti di gara, però, non sono per nulla facile per i blaugrana che faticano a proporre il proprio gioco contro un Getafe ben disposto in campo: gli azulones attendono nella propria trequarti gli spunti ospiti per poi colpire in contropiede, dimostrando di giocare senza alcun timore reverenziale. Con il passare dei minuti, però, lo sterile possesso palla del Barcellona inizia a diventare sempre più efficace e, grazie alla spinta delle corsie esterne, al 38° minuto passa in vantaggio con Suarez: azione in velocità dalla sinistra di Neymar, palla per Sergi Roberto che di tacco serve il pistolero che fredda che con freddezza batte Guaita.

Nonostante il gol di svantaggio, il Getafe prova a reagire nella ripresa con Rodriguez ma a mezz’ora dalla fine il Barcellona manda in ghiaccio la partita con Neymar, al nono gol stagionale in campionato, che, servito dalla destra da Sergi Roberto, batte Guaita con uno splendido mancino al volo. La seconda rete degli uomini di Luis Enrique manda praticamente in archivio la gara: nell’ultima mezz’ora, infatti, il Barcellona si limita a far girare il pallone contro un Getafe che si arrende alla superiorità degli avversari nonostante i tentativi di riaprire l’incontro.

Finisce 0-2 al Coliseum Alfonso Perez con il Barcellona che, grazie a questi tre punti, risale in vetta alla classifica a quota 24 punti: adesso per i blaugrana doppia sfida cruciale contro Villareal prima e, dopo la pausa, contro il Real Madrid in un vero e proprio crocevia della stagione. Per il Getafe, invece, una sconfitta già scritta ma che non condiziona la corsa verso la salvezza degli azulones: i punti in classifica restano 10 ma con quattro di vantaggio sul terzultimo posto.

 

Fonte: Pepito (Wikipedia)
Fonte: Pepito (Wikipedia)

Negli altri match di giornata, interessanti scontri alle ore 18.15 con il derby di Valencia ed il match tra Villareal e Siviglia. Iniziamo dal Mestalla dove il Valencia conferma la supremazia sui “cugini” del Levante, sempre più ultimi in classifica, vincendo con un secco 3-0:  dopo 60 minuti d’equilibrio, i padroni di casa la sbloccano con Paco Alcacer su rigore. La partita si mette in discesa e prima Feghuoli, anche grazie ad un clamoroso errore difensivo ospite, e poi Bakkali, chiudono la partita regalando il terzo successo consecutivo tra le mura amiche al Valencia.

Match ricco di emozioni, invece, al Madrigal dove il Villareal piega per 2-1 il Siviglia. Tre punti importanti per il submarino amarillo che torna a vincere dopo un pareggio e due sconfitte interrompendo anche la striscia positiva degli andalusi che durava da quattro incontri. Per gli uomini di Marcelino, il match si mette in discesa a metà primo tempo quando Mario risolve una mischia in area battendo Sergio Rico; nella ripresa il copione sembra non cambiare, ed al 61° minuto Bakambu mette a segno il secondo gol che con un perfetto piatto su assist di Suarez insacca senza problemi. Nel finale il Siviglia riapre l’incontro con la prima rete di Fernando Llorente, e accende gli ultimi minuti dell’incontro quando l’ex Juve va vicino alla doppietta ma trova la grande respinta di Areola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *