Liga, Real Sociedad-Barcellona 1-0: Oyarzabal stende i blaugrana, campionato riaperto

Sorpresa all’Anoeta. Dopo il KO nel Clasico di sette giorni fa, il Barcellona cade in casa della Real Sociedad: 1-0 il risultato finale in favore dei baschi che, a 6 giornate dalla fine, fanno un regalo ad Atletico e Real che tornano in corsa per la Liga.

Fonte: Oscar Alonso Algote - Flickr
Fonte: Oscar Alonso Algote – Flickr

La partenza degli uomini di Eusebio Sacristan è sorprendente e al primo tiro in porta la Real Sociedad passa in vantaggio: cinque minuti sul cronometro, Xabi Prieto dalla destra metta al centro per Oyarzabal che di testa batte Claudio Bravo mettendo la sfera nel sette.  Il gol degli txuri-urdin sorprende un Barcellona molto nervoso, che fatica a trovare spazi nella difesa della Real che si chiude bene, e con Geronimo Rulli che annulla tutti i tentativi blaugrana. Poco prima dell’intervallo, addirittura, la squadra di Eusebio sfiora il raddoppio in contropiede con De La Bella ma il suo tiro sbatte addosso a Piquè.

Nel secondo tempo è monologo Barcellona ma il muro della Real Sociedad sembra invalicabile grazie ad un uomo: Geronimo Rulli. Il portiere dei baschi sale in cattedra due volte nel primo quarto d’ora della ripresa: prima una deviazione decisiva su una conclusione dalla distanza di Iniesta, poi un intervento con la punta delle dita sul calcio piazzato di Neymar. Dopo aver neutralizzato i tentativi di Iniesta e Neymar, Rulli ferma anche Leo Messi  che si presenta dalle sue parti per in due momenti, ma il classe 92 blocca tutto. Luis Enrique manda in campo forze fresche nel finale, ma con una squadra sbilanciata si espone ai contropiedi della Real Sociedad che riesce a guadagnare tempo prezioso negli ultimi minuti.

Dopo 3 minuti di recupero la Real Sociedad può festeggiare un successo importantissimo: Eusebio sgambetta il “suo” Barcellona, che adesso vede rientrare in corsa Atletico e Real per la Liga. I colchoneros, primi inseguitori, sono ad appena 3 punti. Nel campionato spagnolo tutto può ancora succedere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *