Premier League, 30° turno: solo un pari per il Man City, doppio Pellè per i Saints

In una trentesima giornata di Premier League ridotta all’osso a causa della concomitanza del sesto turno di FA Cup, sono solo tre le gare disputate nel pomeriggio del sabato, con il Manchester City di Manuel Pellegrini bloccato sullo 0-0 dal Norwich nel lunch-match.

Graziano Pellè (fonte: Wouter Engler, own work, commons.wikimedia.org)
Graziano Pellè (fonte: Wouter Engler, own work, commons.wikimedia.org)

Gara quella di Carrow Road dove gli uomini di casa sono riusciti a tenere in scacco la formazione blue di Manchester, chiudendo ogni spazio e non permettendo ad Aguero e compagni di trovare la via della rete grazie ad una difesa arcigna e rocciosa. Punto importante per i Canaries (reduci da ben tre sconfitte consecutive nelle ultime gare di Premier League) in ottica salvezza, con la formazione giallo-verde ora a quota 25 come il Sunderland (Black Cats con una gara da recuperare). Il City, invece, sale a quota 51 punti restando solitario al quarto posto in classifica.

Importante successo esterno per il Southampton che guidato da uno straripante Graziano Pellè ha superato per 2-1 lo Stoke City al Britannia Stadium. L’attaccante italiano ha sbloccato il punteggio dopo una decina di minuti con un bel colpo di testa sugli sviluppi in un calcio d’angolo, raddoppiando poi alla mezz’ora di gioco con un preciso destro all’angolino. Nella ripresa altro goal di una vecchia conoscenza della Serie A, con Marko Arnautovic che ha accorciato le distanze per i suoi (dieci centri stagionali in Premier League per l’ex Inter).

Chiudiamo infine con il pirotecnico 3-2 con cui il Bournemouth ha sconfitto in casa lo Swansea di Francesco Guidolin. Cherries avanti nel primo tempo con Gradel, ripresi in chiusura di tempo da Barrow. Nella ripresa nuovo vantaggio dei padroni di casa con King e momentaneo pareggio ospite con Sigurdsson, mentre a dieci minuti dalla fine Cook ha regalato ai suoi il goal della vittoria.

Francesco Tusi

Francesco Tusi

Amante del calcio, metafora più vera della vita in tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Amante del mare, della sua vastità e della sua sconfinata bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *