Premier League, 31° turno: Welbeck e Iwobi rilanciano l’Arsenal

Nel lunch-match della 31^ giornata di Premier League l’Arsenal torna al successo dopo un mese di astinenza, espugnando per 2-0 il campo dell’Everton.

Danny Welbeck (Fonte: Ronnie Macdonald, flickr.com)
Danny Welbeck (Fonte: Ronnie Macdonald, flickr.com)

L’ultima vittoria dei Gunners risaliva infatti al 14 febbraio quando la formazione di Wenger aveva battuto in casa il Leicester nello scontro diretto dell’Emirates. Poi per i londinesi due sconfitte di fila ed il pareggio nel derby col Tottenham, oltre alle eliminazioni in FA Cup con il Watford e in Champions League contro il Barcellona. A Goodison Park Wenger lascia inizialmente in panchina Metesacker, Walcott e Giroud, schierando dal primo minuto Gabriel in difesa, il giovanissimo classe ’96 Alex Iwobi (all’esordio dal primo minuto in Premier League) e Danny Welbeck nel ruolo di centravanti. E proprio questi ultimi due saranno i protagonisti della sfida, ripagando così la scelta del manager alsaziano.

Al sesto minuto è infatti Welbeck ad aprire le danze, portando subito in vantaggio i suoi: bellissima azione tutta palla a terra dell’Arsenal, con Sanchez che serve in profondità l’ex attaccante del Manchester United, bravo ad aggirare Joel Robles e depositare nella porta sguarnita per l’1-0. L’Everton accusa il colpo e rischia di capitolare pochi istanti dopo quando Iwobi calcia da buona posizione, ma Joel blocca salvando i suoi. Gli uomini di Martinez provano così a riorganizzarsi per cercare il pareggio, ma l’unico pericolo per la porta di Ospina arriva da un destro di Lennon bloccato in due tempi dal sostituto dell’infortunato Cech. Nel finale di tempo, poi, arriva il raddoppio dei Gunners: rapido contropiede con Bellerin che lancia in campo aperto Iwobi, bravo nel superare Joel con un preciso rasoterra. Prima rete in Premier League per il giovane esterno nigeriano, alla sesta presenza stagionale in campionato.

Nella ripresa la formazione di Wenger domina agevolmente e gestisce senza patemi il doppio vantaggio, subendo raramente la sterile pressione portata avanti dall’Everton, con il duo Gabriel-Koscielny ottimo nell’impedire ogni rifornimento al centravanti di casa Romelu Lukaku, davvero in ombra come tutto l’attacco della formazione guidata da Roberto Martinez.

Francesco Tusi

Francesco Tusi

Amante del calcio, metafora più vera della vita in tutte le sue innumerevoli sfaccettature. Amante del mare, della sua vastità e della sua sconfinata bellezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *