Roma-Atalanta, Garcia: “Io non mollo, sono combattivo”

Rudi Garcia parla ai microfoni Premium della sconfitta casalinga contro l’Atalanta. Queste le dichiarazioni del tecnico della Roma:

Rudi Garcia. Fonte: Riccardo Cotumaccio
Rudi Garcia. Fonte: Riccardo Cotumaccio

La più brutta sconfitta della sua gestione?
E’ vero che ci sono poche cose da salvare stasera. Non abbiamo avuto un atteggiamento di conquista, siamo entrati nel loro falso ritmo. Loro hanno difeso bene e noi non siamo passati sulle fasce. Stasera per sfortuna non c’è granché da salvare. Ora c’è da lavorare e stare zitti. Dobbiamo essere uniti. Ora arriva il Torino poi la Champions, c’è solo da rimettersi a lavoro con umiltà.

Ha ancora la squadra in pugno?
Siamo tutti delusi e arrabbiati con noi stessi. Ci sono state poche cose positive, abbiamo fatto il gioco dell’Atalanta. C’è da riflettere tranquillamente domani per vedere che fare per andare avanti. Questo gruppo ha dimostrato poche settimane fa che delle risposte ce le ha, come nel derby. Stasera dovevamo fare molto meglio e se recuperiamo gli infortunati saremo più forti, ma questo non è un alibi per oggi. Io non mollerò io sono combattivo e non è una sconfitta che mi abbatte.

Quando le cose vanno male l’allenatore è il capro espiatorio…
E’ la regola del gioco, io devo solo pensare alle prossime gare.

Questa è una conseguenza della gara di Barcellona?
E’ una settimana brutta ma non penso che ci siano collegamenti. Il primo gol lo abbiamo regalato, ma può succedere poi ci vuole forza mentale. Noi non abbiamo fatto abbastanza per segnare anche se le occasione le abbiamo avute.

Troppi errori in fase difensiva. Si sente responsabile o sono errori indi?
Penso che Digne ha fatto la scelta giusta perché lo ha accompagnato e gli ha tolto la palla, poi pwrò non la deve èerdere. Era quasi il primo tiro dell’Atalanta nel primo tempo. Nel secondo abbiamo iniziato bene, ma ci siamo spenti.

Perché De Sanctis?
Perché ho detto che sono alla pari quest’anno. Non c’è un numero uno. Morgan si allena bene da tempo e, infatti, oggi non è responsabile del risultato.

Risposta al tweet di Pierpaolo Marino (ex dg Atalanta): “Garcia disastroso allenatore d’importazione licenziato dal Ferguson degli allenatori italiani! Giusto così!”
Ognuno ha il suo avviso. Che posso rispondere…niente.

Solo i perdenti cercano sempre scuse, come farà la Roma a ritrovare il suo bel gioco?
Dobbiamo avere la testa alta. La qualità del gruppo si vede nei momenti di difficoltà. Degli errori sul piano difensivo la responsabilità è sempre dell’allenatore e di tutta la squadra non solo dei difensori. Dobbiamo ritrovare il nostro gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *