Sampdoria, Zenga amaro: “Questo mi ricorda perché vivo lontano dall’Italia”

E’ stato un brutto scossone quello che ha travolto la Sampdoria, a partire dall’esonero avvenuto ieri del tecnico Walter Zenga.

Fonte: Laura Rossetti
Fonte: Laura Rossetti

L’ormai ex allenatore dei blucerchiati è stato sollevato dal suo incarico in seguito ai risultati ottenuti (una vittoria nelle ultime sette partite) e, a quanto molti alludono, ad il viaggio a Dubai intrapreso appena dopo la sconfitta di domenica sera contro la Fiorentina.
La partenza per Dubai? Avevo l’autorizzazione del presidente Ferrero altrimenti non sarei mai partito. Qualcuno ha voluto specularci sopra“. Queste le parole con cui Zenga, nell’intervista pubblicata su Il Secolo XIX, ha voluto fare chiarezza su questo aspetto. Per quanto riguarda la sua esperienza, l’ex allenatore della Sampdoria confessa: “Non ho recriminazioni, ho sempre dato il massimo e la squadra ha 16 punti in classifica, due in meno della Juventus e quattro del Milan. Strano che mi sia stato detto che i tifosi ce l’avevano con me. Quest’esperienza mi fa ricordare perché vivo lontano dall’Italia. Ho fatto quello che potevo e ho sempre chiesto scusa quando ce n’era bisogno“.

 

Parole amare quelle di Zenga, che sottolinea come la sua dedizione alla Sampdoria sia stata completa: “Sono stato l’unico allenatore di Serie A a seguire l’ultimo giorno di calciomercato direttamente all’Ata Hotel di Milano. Se la rosa è rimasta competitiva forse il merito è soprattutto del sottoscritto, invece ho ricevuto solo accuse. Cassano? Di lui avevo già parlato con il presidente quest’estate – confessa l’ex tecnico della Sampdoria – ma sapete com’è finita: è arrivato lo stesso. Niente di personale su Antonio: è un grandissimo e gliel’ho detto, ma non era in forma quando è arrivato e non lo è ancora oggi. Considerazioni che faremo un giorno con calma quando torneremo a parlare di quest’avventura, che comunque mi ha arricchito e mi resterà dentro“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *