Sassuolo, Squinzi: “Calcio italiano? Troppi stranieri. Berardi? Non è detto vada alla Juve”

Il presidente del Sassuolo, Giorgio Squinzi, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello sport in cui ha parlato del calcio italiano ed in particolare della sua squadra:

Eusebio Di Francesco (Fonte immagine: Roberto Vicario da Wikipedia)
Eusebio Di Francesco (Fonte immagine: Roberto Vicario da Wikipedia)

Sette partite senza vincere? Può capitare, abbiamo perso con Napoli e Bologna senza meritarlo e senza rinunciare al nostro gioco. E abbiamo anche pagato l’assenza di Missiroli per tre giornate.

Berardi contro l’Empoli? Ha grandi numeri e un potenziale ancora tutto da esprimere, ma non è detto vada alla Juventus.

Squadra di italiani e capocannonieri francese? Vero, anche se Defrel è cresciuto calcisticamente in Italia. Gli stranieri sono troppi, è evidente, così il nostro calcio rischia di essere stravolto. L’ideale sarebbe averne solo tre per squadra come noi: Duncan, un giocatore di grandi prospettive ma poco considerato dai critici, Vrsaljko e appunto Defrel. Tre è un numero perfetto: pensiamo al Milan del Gre-No-Li o a quello degli olandesi.

L’errore più grave che ha fatto in questi tre anni? Mandare via Di Francesco e prendere Malesani (5 sconfitte in 5 partite due stagioni fa, ndr). Però ci siamo corretti in tempo e comunque è servito a dare una scossa a una squadra che stava pagando l’impatto con la Serie A. Poi è maturata, sono convinto che potrà restarci a lungo.

Spalletti o Totti? Sto a metà strada: Spalletti è stato un po’ brusco, Totti deve farsi un esame di coscienza e capire che a quasi 40 anni… L’ho sempre ammirato, avrei voluto vederlo nel Milan. Sono contento che potrebbe aver segnato proprio al Sassuolo l’ultimo gol della sua straordinaria carriera

Greta Spagnulo Doria

Greta Spagnulo Doria

Nata a Taranto, laureata a Bari in "scienze della comunicazione", aspirante giornalista sportiva. Fin da piccola, il calcio è la mia passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *