Seria A, Torino-Lazio 1-1: Biglia salva i biancocelesti

Il lunch match della 28ma giornata di Serie A, vede pposte due compagini che nella prima parte di stagione sembravano poter ambire ad un posto in Europa e che ora stazionano a metà classifica: ottavo posto per i biancocelesti a quota 37, dodicesimo per i granata con 32 punti.

biglia
Lucas Biglia (Fonte: Cagliarcalcio.net)

La Lazio pareggia a Torino 1-1, ottenendo un punto inutile. Prestazione dai due volti, con un primo tempo orrendo e una ripresa discreta. C’è tanto da lavorare, e intanto il campionato scivola sempre più nel baratro dell’anonimato. Biglia risponde a Belotti su rigore, dopo l’errore sempre dal dischetto di Immobile.

TORINO (3-5-2): Padelli; Maksimovic, Glik, Moretti; Zappacosta, Benassi, Vives, Baselli, Bruno Peres; Belotti, Immobile. All. Ventura

LAZIO (4-3-3): Marchetti; Konko, Hoedt, Bisevac, Lulic; Milinkovic-Savic, Biglia, Cataldi; Candreva, Matri, Anderson. All.: Pioli

L’inizio per i biancocelesti, come ormai capita sempre, è da incubo. Lulic sbaglia, il Toro tira e Marchetti respinge come può. Sulla respinta però c’è Belotti, che anticipa tutti e segna. La Lazio è sotto choc, Pioli è infuriato. L’unico pericolo è uno spunto di Felipe Anderson per Klose, anticipato da Glik. I biancocelesti rischiano di peggiorare la situazione. Cataldi è ingenuo su Belotti, calcio di rigore. Ma dal dischetto Immobile grazia Marchetti, sparando alto. Pioli decide quindi di togliere Lulic e Cataldi a metà primo tempo, dentro Braafheid e Milinkovic.

Nella ripresa modesti miglioramenti, la squadra di Ventura cala i ritmi e i ragazzi di Pioli prendono campo e più sicurezza. Padelli però non è chiamato a grandi interventi. Esce anche Klose ed entra Keita, è la partita prende decisamente un’altra svolta. Milinkovic è padrone del centrocampo, ma la sfortuna continua a farla da padrone: solo il palo interno respinge infatti il tiro di Parolo. Così tocca ancora una volta al numero 14 dare una marcia diversa alla partita. Keita viene steso in area da Molinaro e si prende il rigore. A differenza di Immobile, Biglia non sbaglia e pareggia. La Lazio prova a cercare la vittoria e ha una buona l’occasione con Keita, ma nel finale deve solo ringraziare Zappacosta che sbaglia da pochi passi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *