Serie A, Frosinone-Verona 3-2: show al Matusa, orgoglio Hellas

Buona la tredicesima per il Frosinone che al Matusa coglie 3 punti importantissimi in chiave classifica contro il Verona di Mandorlini, protagonista di un’emozionante rimonta firmata da Viviani e Moras.

Fonte immagine: Syd00 grazie Roberto P.
Fonte immagine: Syd00 grazie Roberto P.

Non basta il cuore e l’orgoglio del Verona, fanalino di coda della Serie A, a rimettere in piedi contro il Frosinone una sfida salvezza già compromessa in avvio dall’ingenuità di Rafael.

Al Matusa match dinamico sin dai primi minuti di gioco con la formazione scaligera che tenta di impostare la manovra sfruttando la velocità dei suoi terzini in appoggio su Toni, al suo esordio dopo il lungo infortunio. Padroni di casa molto attenti però a controllare la circolazione della palla ed insidiosi soprattutto in occasione dei calci piazzati, con le continue volate di Diakite e Ciofani.

Gara in equilibrio fino al 20′: l’episodio che cambia il volto della sfida si verifica con l’espulsione dell’estremo difensore del Verona, Rafael, che si tuffa in parata e colpisce in area Paganini col gomito, facendo scattare il cartellino rosso e un rigore per gli avversari. E’ Ciofani, al secondo gol in Serie A, a siglare col destro la rete che porta in vantaggio il Frosinone: un incolpevole Gollini intuisce la traiettoria ma non riesce a salvare la parità.

Costretto a ridisegnarsi in campo, il Verona di Mandorlini deve fare a meno di Siligardi, prezioso in fase di impostazione nella corsia di destra. Nonostante l’inferiorità numerica, gli scaligeri tentano di colpire la retroguardia frusinate e sfiorano la rete del pareggio su corner con Viviani che serve in area Toni sul primo palo: salva Leali.

Frosinone che continua a rendersi pericoloso alla mezzora con Paganini, a segno con un gol in fuorigioco, per poi firmare il 2-0 con uno strepitoso Ciofani alla sua prima doppietta in Serie A: assist di Crivello, e incornata in sospensione da vero finalizzatore per il giovane attaccante che stampa il pallone nell’angolino.

Daniel Ciofani
Daniel Ciofani

Nella ripresa è ancora il Frosinone a tenere saldamente le redini della partita: dopo appena 3′ dal ritorno in campo, la formazione ciociara cala il tris al Matusa: davvero poco attenta la linea difensiva del Verona con Moras che non riesce a giocare d’anticipo e consente la progressione di Dionisi che gonfia la rete del 3-0.

Gli scaligeri però non gettano le ancore e provano in tutti i modi a sfondare la retroguardia avversaria soprattutto dopo l’ingresso in campo di Pazzini che fa subito tremare la porta difesa da Leali con un potente rasoterra, dopo l’assist di Toni.

Cuore, orgoglio e determinazione per gli scaligeri che trovano il corridoio giusto per accorciare le distanze: la soluzione arriva sul calcio di punizione battuto da Viviani, gran tiratore dalla media distanza, che disegna una traiettoria imprendibile.

Cresce il Verona di Mandorlini negli ultimi minuti di gioco: i gialloblù sfiorano il gol che potrebbe riaprire a sorpresa i giochi con Toni, abile ad involarsi sul fondo e scagliare una conclusione a volo senza trovare lo specchio della porta. La retroguardia frusinate si apre al 76′ quando Moras regala una speranza ai suoi svettando con precisione e freddezza sul corner battuto dal solito Viviani.

Istanti incandescenti al Matusa nel finale: i continui assalti del Verona, che spreca la chance del 3-3 con Hallfredsson, trovano l’opposizione del Frosinone che si barrica per proteggere il risultato e porta a casa la vittoria.

FORMAZIONE FROSINONE (4-4-2): Leali; Crivello, Blanchard, Diakite, Rosi; Soddimo, Sammarco, Gori, Paganini; Dionisi, Ciofani.

FORMAZIONE VERONA (4-3-3): Rafael; Pisano, Bianchetti, Moras, Souprayen; Ionita, Viviani, Hallfredsson; Siligardi, Toni, Gomez.

MARCATORI: Ciofani (22′, 40′), Dionisi (48′), Viviani (69′), Moras (76′)

AMMONITI: Souprayen (18′), Blanchard (43′), Viviani (46′), Hallfredsson (60′), Moras (63′), Leali (92′)

ESPULSI: Rafael (19′; espulsione diretta)

ARBITRO: Rizzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *