Serie A, Sampdoria-Frosinone: al Ferraris decidono Fernando e Quagliarella

Fernando e Quagliarella decidono la gara: la Sampdoria allunga le distanze dalla zona retrocessione.

Fonte: Laura Rossetti
Fonte: Laura Rossetti

La partita inizia con la tensione tipica di un match da non fallire per entrambe le squadre data la precaria situazione in classifica. Son comunque i padroni di casa a rendersi più aggressivi ed insistenti sin dall’inizio: al 4′ ci prova subito Fernando con un forte tiro da fuori ma colpendo solo la traversa e poco dopo pericoloso colpo di testa di Quagliarella, su calcio d’angolo, che trova però pronto Leali.

Alla mezz’ora è solo la Sampdoria a fare la partita di fronte ad un Frosinone che però fin ora sembra riuscire a contenere gli attacchi dei blucerchiati. Altra azione degna di nota al 18′ quando con un bel destro Correa tenta il tiro dalla distanza deviato però con i pugni da Leali. Solo al 31′ piccola reazione dei ciociari con il sinistro di Tonev, che manda fuori di poco. Dopo qualche minuto Correa rischia l’autogol, ma Viviano ripara: corner calciato di Pavlovic viene intercettato da Correa malamente e il suo l’intervento si trasforma in una conclusione verso la sua porta, allontanata da Viviano in tuffo.

La personalità con cui i padroni di casa scendono in campo si concretizza ad un minuti dallo scadere del primo tempo grazie a Fernando: dopo una bella azione manovrata, De Silvestri con cross dalla destra pesca in area Fernando che sigla il vantaggio blucerchiato.

La ripresa inizia con il Frosinone proiettato in attacco con grande decisione per cercare il gol del pareggio, così facendo si espone però alle ripartenze della Sampdoria: in una di queste al 50′ Quagliarella sfiora il raddoppio ma il tiro è deviato in angolo da Leali. Al 60′ il Frosinone si rende pericoloso con un tiro cross raso terra dalla sinistra di Tonev che lambisce la linea di porta senza trovare la deviazione vincente. Dopo un’ora di gioco circa la Sampdoria reclama un calcio di rigore per un fallo di mano di Blanchard su conclusione di testa di Quagliarella. Prosegue l’insistenza in fase d’attacco della Sampdoria: su cross dalla sinistra di Correa, Alvarez fallisce il gol del raddoppio al 68′. Al 69′ dopo una bellissima azione sulla destra e dopo un cross di Cassani servito ottimamente di tacco da Alvarez, Quagliarella conclude in acrobazia raccogliendo la respinta su una rima conclusione di Correa, siglando il gol del raddoppio.

Risponde il Frosinone prima con un’azione in tandem di Ciofani e Tonev che sfiorano il gol e al 79′ con Kragl che, ben pescato in area, sbaglia malamente la conclusione di sinistro. Ma la squadra di Montella, nonostante questa reazione degli ospiti, si difende bene con una pressione alta a centrocampo. Brivido per la Samp all’87’ a seguito di un palleggio avventuroso di Viviano su un retropassaggio. Generoso forzing finale dei gialloblù che provoca una serie di mischie pericolose nell’area avversaria: allo scadere grandissima occasione del Frosinone per accorciare la distanza a pochi metri dalla porta nessuna intercettazione di un bel cross dalla sinistra.

Il risultato finale al Luigi Ferraris sorride ai blucerchiati che dopo una serie negativa conquistano tre punti fondamentali per allontanarsi dalla zona calda e allunga le distanze dal Frosinone che seppur tenace e combattivo rimane relegato in terzultima posizione a 23 punti.

Ecco le squadre:

SAMPDORIA (3-4-2-1): Viviano; Cassani, Ranocchia, Moisander; De Silvestri (dal 68′ Silvestre); Soriano, Fernando, Dodò; R. Alvarez (dall’83’ Kristodopoulos), J. Correa (dal 77′ Krstcic); Quagliarella. Allenatore: Vincenzo Montella

FROSINONE (4-3-3): Leali; Rosi, Ajeti, Blanchard (dall’83’ Longo), Pavlovic; Gori, Frara, Sammarco; D. Ciofani, Tonev dal 79′ Paganini) , Dionisi. Allenatore: Roberto Stellone

Arbitro: Orsato

MARCATORI: Fernando 44′, Quagliarella 69′ (Samp)

AMMONITI: Correa 53′, Silvestre 77′, Krstcic 79′ (Samp), Gori 58′, Sammarco 86′ Moisander 88′(Frosinone).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *