Serie B, all’Arechi termina 2-2 il match tra Salernitana e Pescara

All’Arechi è pari tra Salernitana e Pescara, match terminato come all’andata.

Fonte: Biancamaria Ciccarelli
Fonte: Biancamaria Ciccarelli

Concessi due rigori per i campani, uno trasformato e l’altro errato da Coda, con Donnarumma che salva ancora di petto nel finale. Nel Pescara troviamo uno splendido Lapadula, con gol e assist per Verde.

PRIMO TEMPO – Il match si apre subito con un gol annullato a Lapadula, sul tap-in vincente. La squadra di Menichini prova a costruire e, fondamentalmente, ci riesce con qualche pallone giocato per Donnarumma e Coda. All’11’ ci prova proprio quest’ultimo con un sinistro che termina fuori. Passano circa 5 minuti e Donnarumma aggancia in area, affronta Fiorillo il quale lo stende, rigore: trasformazione precisa da parte di Coda; 1-0. Ma il Pescara non ci sta, reagendo e provando a ripartire, tenendo in mano il gioco. Al 16′ arriva il pari degli ospiti: lavoro strepitoso di Caprari, Lapadula riceve in area, in mezzo a due difensori superando Terracciano; 1-1. Dopo poco ci pensa Odjer con un numero a servire Coda, il quale calcia sull’esterno della rete. Successivamente c’è anche il tentativo da calcio piazzato da parte di Zito, ma il suo sinistro è deviato in angolo da Fiorillo. La fine di questa prima frazione si conclude con un’entrata scorretta da parte dell’ex Avellino, Zito, il quale viene espulso.

SECONDO TEMPO – Memushaj, a 7 minuti dalla ripresa, va a botta sicura, palla in angolo. Dopodichè c’è Lapadula, che cerca il vantaggio con un sinistro che sfiora la rete. Incoscientemente, al 18′, c’è un’espulsione anche per la formazione di Oddo, con Caprari che prende il secondo cartellino giallo, commettendo fallo su ripartenza. Ma dopo altri 7 minuti, dopo varie ripartenze, il Pescara trova il vantaggio: scatto di Lapadula, cross in mezzo per Verde e palla in rete; 1-2. Il pubblico granata continua ad incitare la squadra, infatti ci sono vari cross nel tentativo del pari disperato, ma uno di questi è stato deviato da un tocco di mano da parte di Zampano, secondo rigore per i campani: dagli 11 metri c’è, ancora una volta, Coda, questa volta erra calciando centrale. Il pallone gira, con il Pescara chiuso nelle retroguardie, ma i padroni di casa tentano il tutto per tutto con un lancio di Pestrin che arriva a Ceccarelli, cross al volo e petto di Donnarumma; 2-2. I granata provano a spingere nel finale, alla ricerca della vittoria, ma i delfini si chiudono e ripartono, facendo commettere anche il secondo fallo ad Empereur, espellendolo dal campo. Il match termina come all’andata, è 2-2 all’Arechi.

Flavio Ponissi

Flavio Ponissi

Sicignano Degli Alburni-Salerno. Aspirante giornalista sportivo. Amante del calcio, quello vero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *