Serie B, Ascoli-Crotone 0-1: firma Budimir, calabresi ancora in vetta

Alla nona di campionato, non subisce battute d’arresto il Crotone, che coglie ancora una vittoria importante in trasferta contro l’Ascoli.

Autore: Crotoniate Fonte: Wikipedia.org
Autore: Crotoniate
Fonte: Wikipedia.org

Avvio di gara estremamente propositivo per gli ospiti del Crotone: emerge subito la superiorità della squadra di Juric che sfiora una clamorosa occasione da gol con il potente sinistro a giro di Budimir, bravo ad ingaggiare il duello con Lanni e trovare il tiro, che si stampa sulla traversa.

Ghiotta opportunità della formazione calabrese che continua a giocare un ottimo calcio facendo del reparto d’attacco una vera e propria punta di diamante. Nonostante un avvio piuttosto aggressivo, l’Ascoli subisce le folate offensive di un dilagante Crotone, che si rende nuovamente pericoloso con Budimir, lesto ad impattare un cross in area ed a svettare costringendo Lanni a ribattere in corner.

Al quarto d’ora i bianconeri dell’Ascoli rispondono agli assalti del Crotone ma non riescono ad incidere sul match: l’azione si sviluppa dalla corsia mancina con il cross di Antonini che serve Grassi, autore di un colpo di testa che sfiora il palo. Il turning point del match giunge però al 23′; la soluzione arriva su palla inattiva quando una trattenuta di Cinaglia ai danni di Ricci fa fischiare gli estremi del calcio di rigore: dal dischetto Budimir non sbaglia la mira e disegna una traiettoria imprendibile per Lanni portando il Crotone in vantaggio. Negli istanti finali del primo tempo gli ospiti, complice la grande parata di Lanni, sprecano l’occasione di firmare il raddoppio con il rasoterra dell’ex Modesto, propiziato da Torromino.

Nel corso della seconda frazione di gara continua il monologo della formazione di Juric, con i rossoblu che provano ancora ad imbottigliare l’Ascoli nella propria trequarti campo sfruttando la corsia mancina con gli innesti di Torromino e Budimir, interpreti di un’ottima gara quest’oggi. I calabresi gestiscono il vantaggio senza grandi affanni, rendendosi protagonisti di un’attenta fase di copertura e cercando di penetrare la retroguardia avversaria appena possibile.

Nonostante le pressioni esercitate dall’Ascoli, la squadra di Petrone non riesce a trovare gli spazi giusti per attaccare gli avversari, che possono invece contare sull’ottimo stato di forma di Budimir, vera e propria spina nel fianco per i bianconeri ed insidioso anche sulle soluzioni dalla media distanza.

La formazione ascolana prova a scuotere l’inerzia del match con gli ingressi in campo di Petagna, Pirrone e Caturano, ma soffre le velenose azioni in contropiede del Crotone, che non rinuncia ad un modulo a trazione anteriore e si avvicina in più occasioni al 2-0, prima con la sforbiciata di Torromino, poi con il siluro dalla distanza di Balasa, il cui sinistro a giro trova la decisa opposizione di Lanni. Finisce 1-0 allo stadio Del Luca, con il Crotone a 20 punti, sempre più in vetta e l’Ascoli a metà classifica, fermo a quota 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *