Serie B, rocambolesco 3-3 fra Avellino e Brescia

Vittoria solamente sfiorata per un Avellino in gran forma che crea tanto e mette in difficoltà un Brescia sempre pronto a reagire. Al vantaggio campano firmato Arini risponde Geijo prima dell’intervallo, ma nella ripresa succede di tutto: Insigne raddoppia, ma due goal di Kupisz fanno sognare i tifosi lombardi, che tornano con i piedi per terra dopo il definitivo 3-3 del neoentrato Bastien.

La tifoseria del Brescia
La tifoseria del Brescia

È l’Avellino dunque ad aprire le marcature dopo soltanto tre minuti di gioco con Arini che tutto solo arriva sul secondo palo ed insacca il bel cross di Trotta. I Lupi sembrano inarrestabili e si avvicinano al raddoppio prima con la conclusione di prima di Trotta e poi con la veloce imbucata di Insigne; l’ex giocatore del Napoli ci riprova anche al 33′ con un sinistro al veleno che non viene intercettato dalla difesa avversaria ma termina di un soffio fuori.

Il Brescia si risveglia solamente poco prima dell’intervallo e agguanta il pari al 40′ con Geijo che da due passi mette in porta un facile rimpallo. Immediata la reazione della squadra di Tesser che si porta in avanti con Trotta e D’Angelo, ma in entrambi i casi Minelli è bravo ad opporsi.

L’Avellino torna in vantaggio ad inizio ripresa con una maldestra deviazione di Caracciolo che manda la palla sui piedi di Insigne, abile a sfruttare l’occasione e mandare la palla in porta. Il Brescia questa volta non si fa attendere e raggiunge il 2-2 pochi minuti più tardi con Kupisz che si coordina e sfrutta alla perfezione il passaggio intelligente di Mazzitelli. Il polacco si ripete al 58′ e ribalta la partita mandando il pallone in porta da distanza ravvicinata dopo una perfetta parabola a scavalcare la difesa di Rosso.

Dopo aver dominato la gara ed aver creato tante occasioni importanti, i campani si ritrovano ad inseguire la squadra di Boscaglia per provare almeno a portare a casa un punto. Ed il 3-3 arriva proprio al 64′ grazie al neoentrato Bastien che con uno scatto supera tutta la difesa del Brescia, arriva fino all’area di rigore e batte Minelli . Le Rondinelle provano a trattenere gli attacchi di un Avellino davvero pericoloso che in più di un occasione sfiora la vittoria con i soliti Trotta ed Insigne. La chance più clamorosa però la sciupa Mokulu che di prima manda il pallone sul palo pieno.

I Lupi non riescono a conquistare tre punti preziosi per una vittoria che sarebbe stata davvero importante e restano ancora nei bassifondi della classifica con soltanto 6 punti; migliore invece la situazione del Brescia, che si porta a metà classifica con 10 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *