Tim Cup, Spezia-Alessandria 1-2: Bocalon porta i piemontesi in semifinale col Milan

LA SPEZIA – Allo stadio “Alberto Picco” si gioca il quarto di finale tra le due outsider del torneo: Spezia-Alessandria, chi vince affronterà il Milan. Nessun turnover per le squadre che vogliono continuare il sogno: Di Carlo col 4-4-2, Gregucci col 4-3-3.

Fonte: Giovanni Mazzola
Fonte: Giovanni Mazzola

Nenè ha subito un’ottima occasione su assist di Calaiò, ma si allunga troppo il pallone e Vannucchi lo anticipa. Al 10° ci prova Valentini dalla distanza, ma Vannucchi c’è. Al 18° Celjak strappa la maglietta a Valentini su un corner: Tagliavento ammonisce e fischia il rigore che Calaiò non sbaglia. L’Alessandria può pareggiare cinque minuti dopo: Nicco verticalizza per Fischnaller, diagonale che Chichizola blocca con qualche difficoltà. Alla mezz’ora viene ammonito Ciurria che trattiene la maglia di Sperotto. Al 34° Nenè serve Calaiò che davanti a Vannucchi calcia debolmente. Al 39° Chichizola rischia grosso in area con un dribbling su Branca, ma si salva con un po’ di fortuna. Finisce il primo tempo con lo Spezia in vantaggio.
Le squadre rientrano senza cambi. Alessandria subito pericolosa con un tiro-cross di Marras che costringe Chichizola a mettere in corner. Ancora ospiti pericolosi con una punizione di Loviso fuori di poco. All’11° viene ammonito Marras che ritarda una punizione avversaria: sugli sviluppi gira di testa Terzi che manda alto. Al quarto d’ora Calaiò spreca il raddoppio dopo un cross tagliato di Situm. Ammonito anche De Col che stende un avversario a centrocampo. A metà ripresa cross di Nicco e Fischnaller di testa costringe Chichizola ad alzare in corner: sullo sviluppo è pericoloso Marconi che costringe lo Spezia ad un altro corner. I primi cambi: entrano Bocalon per Loviso e Kvrzic per Ciurria. Alla mezz’ora entra anche Catellani per Nenè. Al 35° verticalizzazione di Fischnaller per Nicco che calcia addosso a Chichizola. Due minuti dopo l’Alessandria pareggia: sponda di Nicco per Bocalon che difende il pallone in area e batte Chichizola. Poco dopo nasce una rissa in mezzo al campo e vengono ammoniti Pulzetti e Nicco. Al 40° entra Vitofrancesco per Marconi. Nel primo dei cinque minuti di recupero l’Alessandria passa incredibilmente in vantaggio: cross lungo per Bocalon che di testa infila ancora la porta avversaria. Ammonito Canadjija al 48°. Allo scadere entrano Boniperti per Fischnaller e Rossi per Canadjija. Finisce 1-2: miracolo dell’Alessandria che ribalta il risultato e accede alla semifinale contro il Milan.

IL TABELLINO:
SPEZIA (4-4-2): Chichizola; De Col, Terzi, Valentini, Migliore; Situm, Pulzetti, Canadjija (94° Rossi), Ciurria (71° Kvrzic); Nenè (75° Catellani), Calaiò. A disposizione: Sluga, Saloni, Postigo, Crocchianti, Juande, Errasti, Vignali, Misic, Azzi. Allenatore: Di Carlo.
ALESSANDRIA (4-3-3): Vannucchi; Celjak, Sosa, Sirri, Sperotto; Nicco, Loviso (70° Bocalon), Branca; Marras, Marconi (85° Vitofrancesco), Fischnaller (94° Boniperti). A disposizione: Nordi, Picone, Morero, Sabato, Terigi, Mezavilla, Cittadino. Allenatore: Gregucci.
ARBITRO: Tagliavento di Terni.
MARCATORI: Calaiò al 19° su rigore, Bocalon all’82° ed al 91°.
AMMONITI: Celjak, Ciurria, Marras, De Col, Pulzetti, Nicco, Canadjija.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *