Viola schiacciatutto: secco 3-0 all’Atalanta e la Fiorentina vola al primo posto

Una delle ultime due gare della settima giornata di Serie A vede la Fiorentina ospitare l’Atalanta: in palio punti preziosi per entrambe le squadre. Se i viola sognano il sorpasso definitivo nei confronti dell’Inter per il primo posto in classifica, l’Atalanta non vuole interrompere la sua striscia di risultati utili consecutivi, arrivata a cinque. Sousa punta ancora su Kalinic in avanti con Ilicic e Bernardeschi a supporto; Reja deve invece fare a meno dell’infortunato Pinilla ed affidare il suo tridente offensivo a Denis, Moralez e Gomez.

Josip Ilicic (Fonte: ACF Fiorentina, violachannel.tv)
Josip Ilicic (Fonte: ACF Fiorentina, violachannel.tv)

L’incontro parte subito a ritmi altissimi, tanto da avere un calcio di rigore assegnato dopo 5 minuti: Blaszczykowski si incunea in area di rigore e viene atterrato da Paletta, con l’arbitro che valuta il contrasto da cartellino rosso. Dal dischetto Ilicic non fallisce e la Fiorentina si mette subito sul 1-0. Atalanta costretta subito al primo cambio, con Kurtic richiamato in panchina per Cherubin che va a ricompattare la linea difensiva a 4. I viola si preparano a gestire la partita senza però rinunciare ad offendere, come nel caso del palo colto da Borja Valero al 11′ ed il successivo tiro di poco a lato di Badelj sulla ribattuta. Anche se i padroni di casa tengono il pallino del gioco, i nerazzurri non rinunciano ad offendere: buona discesa mancina di Gomez che mette la palla in mezzo e costringe Alonso all’anticipo su Moralez. La Fiorentina vuole chiudere il prima possibile la gara, ma il compito non riesce ad Ilicic che al 21′ ci prova dalla distanza e Sportiello para agilmente a terra. Cartellino giallo diretto a Masiello un minuto dopo, che stende Badelj senza troppi complimenti. Grande occasione per l’Atalanta al 25′: i bergamaschi rubano palla sulla trequarti avversaria, con Denis che lancia in avanti Moralez, ma l’argentino a tu per tu si fa stregare da Tatarusanu che mette la palla in angolo. Continua a spingere la Fiorentina, trovando anche le giuste misure per le schermaglie offensive avversarie, ma soprattutto trova lo spunto giusto per il 2-0: dura lotta davanti all’area bergamasca al 34′ che si conclude con il tocco in avanti di Bernardeschi a servire Borja Valero, che da solo di fronte a Sportiello non sbaglia. Ora per i viola sembra essere solo una questione di tempo, con il doppio vantaggio e l’uomo in più da gestire rallentando i ritmi di gioco. Nell’unico minuto di recupero concesso dall’arbitro Ilicic ci prova con una punizione dai 20 metri, con la palla che sfiora il palo.
Primo tempo ad appannaggio totale della Fiorentina, che si instrada subito sui binari giusti dopo la prima azione. L’Atalanta non demorde e prova a mordere in contropiede, ma poco alla volta è sempre più finita intrappolata nella ragnatela viola.

Borja Valero. Fonte: violachannel.tv
Borja Valero. Fonte: violachannel.tv

La seconda parte della partita inizia con una sostituzione per gli ospiti: Denis rimane negli spogliatoi ed al suo posto scende in campo D’Alessandro. Il canovaccio dell’incontro rimane lo stesso e ne è la prova il tiro a giro messo fuori da Sportiello tentato al 51′ da Kalinic. Buono spunto centrale di Bernardeschi al 56′, fermato al limite dell’area fallosamente da Toloi che viene ammonito. La punizione battuta da Borja Valero finisce di poco alta. Non demordono i nerazzurri che provano con degli spunti sull’esterno: quello al 61′ di D’Alessandro si conclude con un cross in mezzo che frutta un calcio d’angolo all’Atalanta, poi non sfruttato. Due minuti dopo Marcos Alonso prova a chiudere l’incontro a favore dei viola con un tiro dalla sinistra, ma il portiere bergamasco mette la palla in angolo. Prima sostituzione per la Fiorentina: Sousa prova a mettere al sicuro il risultato togliendo Bernardeschi ed inserendo Vecino. L’uruguaiano ci prova al 70′ con una conclusione dal limite, troppo debole per impensierire Sportiello. Buona azione viola al 73′, conclusa da Kalinic con un tiro totalmente da dimenticare. Secondo cambio dei padroni di casa, che richiamano in panchina Ilicic ed inseriscono Verdu. La punta croata ci riprova con un colpo di testa a pochi passi dalla porta, ma non imprime abbastanza forza al pallone. Vecino tenta la conclusione dai 20 metri: palla alta. Ultima sostituzione per l’Atalanta: dentro Carmona, fuori de Roon. Stessa cosa fa la Fiorentina, che sostituisce Borja Valero con Mati Fernandez. Gli ultimi minuti della partita scivolano via tra gli spenti assalti viola, finalizzati più a perdere tempo che a tentare seriamente di chiudere l’incontro, che dalla rete di Borja Valero non ha molto da dire. Insistendo però la Fiorentina trova la rete del 3-0 con Verdu: grande assist di prima intenzione di Kalinic, palla allo spagnolo che al volo mette la palla sul secondo palo e chiude di fatto la partita prima dei tre minuti di recupero.

Prova di spessore da parte della Fiorentina, che legittima con un dominio continuo il suo primo posto solitario in classifica. I calciatori viola sono stati abili nel controllare l’incontro fin da subito, con proiezioni offensive efficaci ed un controllo abile del pallone. Poco può fare l’Atalanta, che dopo cinque minuti si trova con un uomo in meno e prova il più possibile a tenere il passo inarrestabile del carro armato viola.

IL TABELLINO
FIORENTINA 3-0 ATALANTA
Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu; Tomovic, Rodríguez, Astori; Blaszczykowski, Badelj, Valero (dal 81′ Fernandez), Alonso; Ilicic (dal 73′ Verdu), Bernardeschi (dal 66′ Vecino); Kalinic. A disp.: Rossi, Sepe, Rebic, Suarez, Roncaglia, Lezzerini, Babacar. All.: Paulo Sousa.
Atalanta (4-3-3): Sportiello; Masiello, Toloi, Paletta, Dramè; Grassi, de Roon (dal 79′ Carmona), Kurtic (dal 7′ Cherubin); Moralez, Denis (dal 46′ D’Alessandro), Gomez. A disp.: Stendardo, Bellini, Conti, Migliaccio, Bassi, Monachello, Cigarini, Radunovic, Raimondi. All.: Edoardo Reja.
Marcatori: 5′ Rig. Ilicic, 34′ Valero, 90′ Verdu (F)
Ammonizioni: Masiello, Toloi (A)
Espulsioni: Paletta (A)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *