Calcio femminile, Italia-Svezia 1-0: Sabatino vendica gli azzurri

L’Italia del commissario tecnico Michela Bertolini supera di misura la Svezia nel match amichevole di Cremona e inizia al meglio il percorso di avvicinamento programmato che porterà fino ai Mondiali che si disputeranno la prossima estate in Francia.

Daniela Sabatino con l'Italia -  Fonte: Threecharlie, Wikipedia
(Daniela Sabatino contro il Belgio – Fonte: Threecharlie, Wikipedia)
Oltre ad essere un test importante contro un avversario scomodo e dal grande nome, quella disputata ieri voleva essere una festa per promuovere il calcio femminile e la Nazionale che torna a competere ad altissimi livelli dopo venti anni di risultati altalenanti e da questo punto di vista la città lombarda ha risposto alla grande incitando le Azzurre e sostenendole dal primo all’ultimo minuto, ripagate da un’ottima prestazione fatta di ritmi elevati e grandi giocate.

Dopo un primo tempo abbastanza bloccato in cui Laura Giuliani non è però mai chiamata in causa ed è la nostra Nazionale a tenere in mano il pallino del gioco, le Azzurre alzano i giri del gioco e si affacciano con maggiore frequenza dalle parti dell’area svedese. A decidere la gara è stata Daniela Sabatino, già autrice di due reti nell’ultima sfida contro le scandinave nello scorso europeo, che da vero bomber d’area si fa trovare pronta e sfrutta una respinta corta di Zecira Musovic su tiro di Barbara Bonansea a inizio ripresa.

Grande soddisfazione a fine gara per il commissario tecnico e le protagoniste che hanno rivendicato la bontà della prestazione e l’importanza del risultato nonché per il pubblico accorso che ha così potuto ammirare uno spettacolo di grande livello e una simbolica vendetta contro la Nazionale che ci ha impedito di qualificarci agli scorsi Mondiali.

ITALIA: Giuliani; Bartoli, Linari, Salvai, Guagni; Galli (73′ Adami), Giugliano, Cernoia (66′ Iannella); Girelli, Sabatino (80′ Giacinti), Bonansea. All. Milena Bertolini

SVEZIA: Musovic; Bjorn, Sembranj, Adolfsson, Oskarsson; Rubensson, Roddar, Andersson; Jacobsson, Asslani, Blackstenius (85′ Larsson). All. Peter Gerhardsson

Salvatore Suriano

Redattore sportivo per passione, amo il calcio e lo seguo sempre con lo stesso interesse. Collaboro con SoccerMagazine dal luglio del 2013.