Chievo-Lazio 1-2, le pagelle dei biancocelesti: brilla la stella di Milinkovic

Una Lazio sottotono esce con i tre punti dal Bentegodi di Verona confermando la tradizione positiva contro il Chievo. Decide una rete fantastica di Milinkovic. Ecco le pagelle dei biancocelesti.

Lazio
Presentazione maglie S.S. Lazio 2017/2018
Fonte: Giorgio Catani

Strakosha 7: incolpevole sul gol di Pucciarelli si rende invece protagonista di due ottimi interventi su Castro e Birsa;

Wallace 6,5: magari non è bello da vedere. Però è concreto. Decisivo il suo intervento su Inglese nella ripresa;

De Vrij 6: meno incisivo del solito. Non commette sbavature evidenti ma non lascia neanche quell’impressione di estrema sicurezza che generalmente contraddistingue le prove dell’olandese;

Radu 6,5: ottimo il primo tempo del centrale rumeno che si rende protagonista in particolare di una chiusura provvidenziale su Inglese. Cala un po’ nella ripresa senza però commettere errori;

Basta 6,5: costante il suo apporto in entrambe le fasi; (dall’80’ Marusic 6: più convincente rispetto alle precedenti uscite. Gli manca però ancora lo spunto);

Parolo 6: nel primo tempo tanta corsa ma poca sostanza. Nella ripresa cresce;

Leiva 5,5: ordinato; anche troppo. Conferma l’impressione che si è sempre avuta di lui: è un incontrista. Pecca di qualità quando ha il pallone tra i piedi; (dal 59′ Caicedo 6: niente di eccezionale, per carità. Però consente a Immobile di tirare un po’ il fiato e mette la sua fisicità a supporto della guerra di sportellate con la difesa di Maran);

Lulic 5,5: per buona parte della prima frazione di gioco è irritante quando ha il pallone tra i piedi. Migliora leggermente con il passare dei minuti calando però vistosamente nella ripresa. Nonostante sia un corridore che non si risparmia mai a volte prevalgono i suoi limiti; (dal 59′ Lukaku 6,5: il suo piede è molto più educato di quello di Lulic e si vede. Diventa una spina nel fianco della retroguardia clivense e la Lazio ne beneficia);

Luis Alberto 6: molto bene la prima frazione di gioco dove pennella l’angolo che consente a Immobile di sbloccare l’incontro e poi serve sempre al centravanti un assist al bacio che però non viene capitalizzato. Cala vistosamente nella ripresa;

Milinkovic-Savic 7,5: la prestazione del primo tempo avrà fatto probabilmente vacillare Inzaghi sulla sostituzione. Nella ripresa però sale in cattedra e dopo aver regalato due cioccolatini a Caicedo e Immobile che meriterebbero migliore fortuna, decide quando siamo ormai allo scadere di tirare fuori dal cilindro il coniglio: tiro dalla distanza di destro ad incrociare che infila Sorrentino e regala i primi tre punti stagionali alla Lazio. Chapeau!

Immobile 6,5: sblocca l’incontro e poi corre come un matto per tutta la gara. Questo lo priva probabilmente un po’ di lucidità considerato che si divora due occasioni. Un’anomalia per uno come lui;