Inter-Lazio 4-5 dcr, le pagelle dei biancocelesti: Luci a San Siro

La Lazio espugna San Siro e vola alle semifinali di Coppa Italia, dove troverà il Milan per un remake della sfida della scorsa stagione. Dopo lo 0-0 dei tempi regolamentari è Immobile ad aprire le marcature al 108’, ma al ultimo secondo di gioco Milinkovic con una sciocchezza regala il penalty all’Inter che Icardi trasforma; ai calci di rigore decisivo l’errore di Nainggolan. Queste le pagelle degli uomini di Inzaghi:

Strakosha alla Lazio - Fonte immagine: sassuolocalcio.it
Strakosha – Fonte immagine: sassuolocalcio.it

Strakosha 7: graziato da Candreva su un tiro da lontano non trattenuto, compie il miracolo al 90’ su Politano che permette ai biancocelesti di rimanere in gara. Sfiora il miracolo sul rigore di Icardi e freddo nel restare fermo sul tiro dagli undici metri di Nainggolan.

Wallace 6.5: prestazione che fa il palio con quella dell’Olimpico contro la Juventus; non cala mai di attenzione e lucido anche nell’atterrare il diretto avversario nell’azione di contropiede che precede la sua uscita dal campo. (dal 70’ Bastos 5.5: entra e comincia e passa il tempo ad incartarsi pur di tenere la palla fra i piedi).

Acerbi 7: partita impeccabile del centrale italiano, non sbaglia un intervento e sempre al limite della grinta; spacca la porta di Handanovic nel suo turno dagli undici metri.

Radu 6.5: resta in campo anche quando il fisico non lo supporta mostrando spirito di sacrificio e dedizione alla causa; unico neo l’espulsione per proteste.

Marusic 6.5: primo tempo anonimo come gli capita spesso in questa stagione; nella ripresa si ricorda di poter giocare anche lui e sforna la prestazione che non ti aspetti.

Milinkovic-Savic 5.5: i primi 45 minuti sono degni del Sergej dello scorso anno a dir poco dominante, cala di ritmo nella ripresa condita da molte sbavature; l’errore al 120’ è enorme e per poco non costa l’eliminazione dalla competizione.

Leiva 7.5: ennesima partita da migliore in campo, solita diga davanti alla difesa e preciso nel cucire il gioco; il pallone del rigore decisivo pesa come un macigno e lui lo scaglia alle spalle di Handanovic.

Luis Alberto 6.5: si prende sulle spalle la squadra andandosi a prendere ogni pallone che la Lazio gioca, anche se risulta poco lucido in qualche scelta. (dal 101’ Parolo sv)

Lulic 5.5: fuori forma e segnato dai continui impegni di questa stagione; regge fino a che ha aria nei polmoni ma pecca in lucidità. (dall’80’ Durmisi 6: motorino sulla fascia destra, non ha bisogno nemmeno di tempo per calarsi nel ritmo partita: peccato per l’errore dal dischetto).

Correa 6: non brilla nella serata milanese, provando poche volte la giocata ma esce dal rettangolo di gioco senza infamia e senza lode. (dall’88’ Caicedo 5: sbaglia tutto solo davanti alla porta allo scadere del tempo regolamentare; perde la palla che da il via al pareggio interista).

Immobile 7: oltre il gol del momentaneo vantaggio la foto della sua partita è scattata nel momento in cui infila Handanovic nel primo rigore della serie: dimostra che la Lazio non è arresa bensì pronta a continuare la lotta.