Esclusiva-Xavier Jacobelli: “La Juve può solo perdere lo Scudetto. Sull’Atalanta…”

Juventus Stadium Foto: Alfonso Maiorino
Juventus Stadium
Foto: Alfonso Maiorino

Xavier Jacobelli, direttore di varie testate online tra cui Tuttosport.com e Corrieredellosport.it eparla del campionato di Serie A a Soccermagazine.it, ponendo l’accento sulla sorpresa Atalanta e la Juventus di Max Allegri, in testa con quattro punti di vantaggio e una gara da recuperare.
Da bergamasco e grande conoscitore del campionato ci illustra la sorpresa e la conferma del campionato

Direttore, l’Atalanta vince anche a Verona e si dimostra squadra con continuità, anche con Gagliardini e Kessie fuori. Chi entra in campo al posto dei titolari sembra adattarsi alla grande….

L’Atalanta ha come valore aggiunto Gasperini, soprattutto dopo la partita di Pescara, Lì ha avuto il coraggio di lanciare i giovani del ’94 (Caldara, Gagliardini e Conti) e Petagna, che pure non è cresciuto nel vivaio atalantino ma è stato preso lo scorso anno dall’Ascoli. Non è un caso che dal 2010 il presidente Percassi abbia investito 35 milioni di euro nel settore giovanile.

Il vivaio dell’Atalanta è sempre di livello. Gli investimenti, d’altronde, sono molto alti, soprattutto se rapportati al fatturato dall Dea rispetto a Milan, Juve, Inter ecc…

Bisogna scegliere gli uomini giusti ai posti giusti. Quando Mino Favini è entrato nello staff del Como si è puntato su Maurizio Costanzi al settore giovanile.
Un elemento del calibro di Costanzi ha significato saper andare avanti.
E’ un circolo virtuoso, ora l’Atalanta può giocarsela. E’ un’organizzazione modello, alla festa di Natale del settore giovanile c’erano 116 persone tra dirigenti, osservatori e tecnici. Poi bisogna avere l’allenatore che i giovani li mette in campo.
Oltre all’esplosione dei ragazzi del ’94 (tra cui gente come Gagliardini, con esperienze non troppo positive in B tra Spezia e Vicenza), che hanno preso il posto di chi avevano davanti, ci sono anche i vari classe ’99: Capone, Latte Lath, Bastoni, Melegoni.

In questa squadra pare essere esploso anche chi, come Petagna, non aveva segnato valanghe di gol in B…

E’ riduttivo guardare il rendimento di Petagna fermandosi solo ai gol. La chiave è stata quella di trovargli il ruolo di regista offensivo

Andando su atri fronti…Il campionato vede la Juventus che pare essere assolutamente lanciata verso il sesto scudetto consecutivo.

Solo la Juve può perdere lo Scudetto. Ha una forza di grande portata. Se si pensa solo alle manovre in vista del futuro, con operazioni come Caldara, Kolasinac (che vuole prendere a gennaio), Mandragora e Sensi….Da nasce una concezione europea del calcio. Lo Juventus Stadium e gli altri impianti della Juventus hanno avuto il record di visite durante le vacanze di Natale.
Anche il Torino si appresta ad inaugurare il Filadelfia, che sarà il cuore della società e del settore giovanile granata.

La Juve ha la forza di riuscire a vincere anche quando non gioca bene…

Una squadra è grande anche per questo. All’inizio, poi, andavano inseriti i nuovi grandi acquisti. Con giocatori come Rugani e Lemina, ora in Coppa d’Africa, o il polivalente Asamoah, non si può che avere una solida base di squadra.

Si ringrazia Jacobelli per la disponibilità resa a Soccermagazine