Olympiacos-Milan 3-1, le pagelle dei rossoneri: Atene fatale, addio Europa

Ad Atene il Milan è stato eliminato dall’Europa League. 

Higuain - Fonte immagine: Кирилл Венедиктов, soccer.ru - Wikipedia
Higuain – Fonte immagine: Кирилл Венедиктов, soccer.ru – Wikipedia

Il 3-1 rifilato dall’Olympiacos ha condannato i rossoneri ad un terzo posto insperato in fase di sorteggio.

Il primo tempo non ha regalato grandissime emozioni. Partita senza particolari sussulti, con un Olympiacos che ha sfruttato alcune ripartenze e i rossoneri che hanno controllato il gioco. Proprio gli uomini di Gattuso si sono resi pericolosi prima con una conclusione di Higuain in area di rigore al 18′, che ha raccolto un buon assist a liberare di Cutrone e poi con un colpo di testa di Zapata dagli sviluppi di un calcio d’angolo, un minuto dopo. Per i greci c’è da registrare la punizione di Fortounis al 44′ sulla quale è stato bravo Reina a respingere.

La ripresa è iniziata con due occasioni pericolose da entrambe le parti. Alla conclusione a giro di Fetfatzidis ha risposto Kessiè con un buon tiro dalla distanza che ha solo sfiorato di poco il palo. L’imbucata di Elabdellaoui ha fatto tremare il Milan che sull’occasione successiva di Cisse al 60′ si è fatto trovare impreparato e ha subito il gol dello svantaggio. Da quel momento, un Milan passivo si è attivato in zona gol, sfiorando il pareggio sia con Cutrone che con Higuain. Nel mezzo un’azione bellissima degli avversari che sulla conclusione di Fortounis hanno trovato un Reina molto attento, con Zapata in appoggio a liberare l’area con un intervento da centrale puro. La partita è cambiata totalmente quando Guilherme ha trovato il raddoppio per i suoi su una conclusione viziata da un tocco di Zapata al 70′. Dopo 2′ il colombiano ha accorciato le distanze su calcio d’angolo, con una deviazione che di poco ha superato la linea di porta, battendo Jose Sa. Il match ha subito l’ennesimo sussulto all’81’ per un fallo di Abate in area di rigore, giudicato irregolare. Fortounis ha punito i rossoneri dal dischetto, con Reina che non è riuscito ad indovinare l’angolo giusto. Di seguito le pagelle del Milan.

Reina 6: qualche piccola indecisione in alcune uscite, ma si fa trovare pronto sulla punizione di Fortounis e sull’imbucata di Elabdellaoui. Importante intervento, poi, ancora sulla conclusione del numero 7 avversario. Non può nulla sui gol di Cisse e Guilherme, in cui difesa e sfortuna gli vanno contro. Il rigore subito è perfetto. Tre gol incassati, ma non la colpa non può essere sua.

Calabria 6: una delle azioni più pericolose del primo tempo parte da lui. Gioca una partita sufficiente, facendosi trovare sempre al suo posto.

Abate 6: terza partita da centrale, terza prestazione sufficiente. Gattuso gli ha costruito un nuovo ruolo e, molto probabilmente, una seconda vita calcistica. Sempre attento e impeccabile. Sfortunato sul fallo, molto generosa l’interpretazione dell’arbitro.

Zapata 6,5: monumentale a spazzare l’area dopo la conclusione di Fortounis sul momentaneo 1-0. Nel mezzo altri interventi con fisico e testa. Sfortunata deviazione sul raddoppio dei greci, ma si rifà subito con un gol di rapina.

Rodriguez 5: non si gioca molto su questa fascia, complici anche le poche idee di Calhanoglu. (Dall’84’ Halilovic s.v.).

Kessiè 6: partita di consistenza e di accelerazione. Bravo nella doppia fase, cala nel finale.

Bakayoko 6: le ripartenze dei rossoneri partono quasi tutte da una sua buona lettura in fase di interdizione.

Calhanoglu 4: assente ingiustificato. Non riesce ad incidere sul match, nemmeno quando si ritrova a tu per tu con Jose Sa. I rossoneri giocano in 10 per 90′.

Castillejo 4,5: errore gravissimo sul primo gol degli avversari. Replica con un’altra amnesia 3′ dopo. Si perde nel marasma finale e cancella il buono (anche se poco) che aveva fatto fino a quel momento.

Higuain 5: l’insufficienza è solo per la mancanza del gol. Uno come lui, in queste partite, deve incidere. Le occasioni non gli sono mancate, ha provato a giocarle, ma è sempre troppo poco per un uomo d’area del suo calibro.

Cutrone 5,5: bello l’assist per Higuain, si sbatte come sempre per i suoi, ma ha poche occasioni questa sera. (Dal 78′ Laxalt s.v.). 

All. Gattuso 5: quando hai praticamente 4 risultati a favore per passare il turno, non può finire così. Il suo Milan ha fatto un enorme passo indietro. Per passare sarebbe bastato il minimo indispensabile, ma non è ancora finita qui. Regola numero 1: uscirne al più presto.