Milan-Rijeka 3-2, le pagelle dei rossoneri: pazzia e stoltezza, salva Cutrone

San Siro il Milan ha vinto nel finale.

Montella
Fonte: calciocatania (flickr.com)

3-2 il risultato che è maturato al 94′ grazie alla rete di Cutrone. Rossoneri in avanti con Silva e Musacchio senza brillare. Poi il blackout che ha portato al pareggio dei croati. 5′ di follia che hanno influenzato in negativo le votazioni. Di seguito le pagelle dei rossoneri.

Donnarumma 5: ordinaria amministrazione fino a quando un intervento troppo poco convincente ha portato i croati al gol. Sul rigore ci va solo vicino.

Musacchio 7: al posto di Zapata difende e segna. Oggi è stato il migliore del reparto arretrato. Sempre attento e ordinato per tutta la gara.

Bonucci 5: in assenza del centrocampo, l’impostazione dei primi 45′ è opera sua. Nella ripresa qualche sbavatura, tra cui quella finale che stava costando cara al Milan.

Romagnoli 4,5: il fallo da rigore stava per compromettere una stagione intera, già a settembre. Non ha sfigurato, ma all’87’ quell’intervento non si puó fare, sul 2-1. Da rivedere.

Abate 5: in pochi lo cercano, lui non si fa vedere. Assente dal gioco, poco convincente questa sera.

Kessiè 5: doveva riposare? Questa sera lo ha fatto, ma in campo. Prestazione insufficiente figlia degli straordinari delle ultime settimane. Lento e assente. (Dal 70′ Josè Mauri 5: entra, ma non succede niente di meglio).

Locatelli 6: cresce durante la partita, in cabina di regia fa intravedere qualche colpo che se facesse con costanza sarebbe tutto in favore suo. Bravo in fase di interdizione in alcuni episodi in cui serviva piú il fisico che il piede.

Calhanoglu 5,5: buona fase di interdizione, ma anche per lui il primo tempo è privo di idee. (Dal 46′ Bonaventura 6: con la sua entrata il centrocampo inizia a girare. Prestazione sufficiente, le idee partono da lui).

Borini 6,5: è sua l’idea che manda in rete Silva. Altre tentativi con l’intento di affondare. Viene chiamato spesso in causa a differenza di Abate. Prestazione generosa.

Andrè Silva 7: è il bomber d’Europa e chissà se diventerà lo stesso anche in Italia. C’è solo un problema: lì non gioca e se lo facesse, non sarebbe di certo un male. Altra prestazione piena di determinazione, condita da un gol. (Dall’81’ Suso: s.v.).

Cutrone 7,5: vive per quel pallone e stasera lo si è visto. Ci mette voglia e passione in tutto quello che fa: spinge, corre, fa salire la squadra. Poi l’apoteosi finale: si inventa un gol che salva il suo Milan da una figuraccia e potrebbe aprire un’ulteriore porta alla sua carriera.

All. Montella 5,5: qualcosa non va e si é visto anche stasera. Ci vuole equilibrio, come ha sempre detto lui. Quindi metá e metà: da rivedere alcune idee, bravo per aver dato fiducia alla coppia Silva-Cutrone.