Lazio-Juventus, le pagelle dei biancocelesti: che esordio per Bastos

Una discreta Lazio esce sconfitta dal match dell’Olimpico contro una Juventus sempre più cinica. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

Senad Lulic. Credit: foto AC Siena
Senad Lulic. Credit: foto AC Siena

Marchetti 6: sempre attento quando viene chiamato in causa. Incolpevole sul gol;

Bastos 7: se queste sono le premesse allora si tratta veramente di un grande acquisto. Attento, sempre presente, fa sentire il fisico ed esce anche dalle situazioni difficili con sicurezza, tecnica e maestria;

De Vrij 5,5: la sua è una partita praticamente perfetta fino al gol di Khedira quando la sua sbavatura in marcatura è piuttosto evidente. E’ un errore che purtroppo costa caro alla Lazio;

Radu 6,5: buono il ritorno in campo del rumeno che si rende protagonista di una partita senza sbavature;

Basta 6: partita molto positiva per quanto riguarda la fase difensiva. Peccato si veda poco a supporto della manovra avanzata;

Lukaku 6,5: non soffre minimanete il duello contro un mostro sacro come Dani Alves. Ancora una prova convincente del terzino belga dopo quella di Bergamo contro l’Atalanta;

Biglia 6: parte male ma cresce con il passare dei minuti. Peccato che ancora una volta brilli in particolare per l’ottima fase di interdizione. Da rivedere invece la regia spesso scolastica e mai in grado di imprimere un cambio di marcia alla manovra biancoceleste;

Parolo 6: in ripresa rispetto all’esordio di Bergamo. Ma c’è ancora molto da fare per tornare ai livelli a lui abituali;

Lulic 6,5: probabilmente il migliore della mediana di Inzaghi. Corre a destra e a manca e recupera un numero impressionante di palloni. Se avesse anche i piedi educati staremmo parlando di un possibile top player;

Immobile 6,5: corre, sgomita, si danna l’anima. E’ caparbio. Ma spesso e volentieri è colpevolmente abbandonato a se stesso;

Felipe Anderson 5,5: la sua è una partita di grande sacrificio ma sbaglia troppi palloni. E poi da uno come lui ci si aspetta quel guizzo che invece non è mai arrivato;

Milinkovic-Savic 5: Inzaghi si affida a lui nella ripresa per cercare di dare un supporto di peso ad Immobile. Ma lui, come spesso capita, è piuttosto statico e macchinoso finendo per altro per incaponirsi spesso in giocate che contro la rocciosa difesa della Juventus non possono che risultare sterili;

Patric s.v.

Djordjevic s.v.