Milan, nuovo inizio. Addio cinesi, addio Fassone: il comunicato

Inizia una nuova era per il Milan.  

Milan - Fonte immagine: Maarten Van Damme
Milan – Fonte immagine: Maarten Van Damme

Il club rossonero, dopo la prima annata gestita dalla cordata cinese capitanata da Li Yonghong, ha cominciato la sua era americana con il nuovo presidente Paolo Scaroni. Nominato oggi durante il CdA non ha mancato nell’esprimere il suo totale piacere nell’aver ottenuto il nuovo ruolo nel club: “Da milanista è un grande onore fare parte di questa squadra”.

VIA FASSONE, VIA I CINESI – Il Milan cambia volto. Il CdA di questa mattina ha confermato le voci che circolavano nelle ultime ore. Come riportato da Milanews.it, la rappresentante di Rossoneri Sport Investment ha chiesto la rimozione di Yonghong Li, David Han Li, Lu Bo, Renshuo Xu e Marco Fassone da amministratori della società “per giusta causa”. Nello specifico, come riporato dalla stessa testata, a Fassone sono stati contestati: la gestione dei contratti interni alla società, la responsabilità nei piani prospettici e la struttura del mercato cinese. A Mister Li, invece, vengono contestate, tra le altre cose, le parole che ledono l’immagine della società e la sua gestione.

Il club rossonero, nel frattempo, ha pubblicato un comunicato stampa sul suo sito ufficiale, acmilan.com. Di seguito il testo completo:

A seguito del cambio di proprietà della scorsa settimana, con l’assunzione del controllo del club da parte di Elliott, il Milan ha eletto oggi un nuovo Consiglio d’Amministrazione (il “Consiglio”) nel corso dell’assemblea degli azionisti tenutasi oggi a Milano e che segna l’inizio di una nuova era per il club. Il nuovo consiglio è composto da Paolo Scaroni, Marco Patuano, Franck Tuil, Giorgio Furlani, Stefano Cocirio, Salvatore Cerchione, Alfredo Craca e Gianluca D’Avanzo.

Con effetto immediato, Marco Fassone lascia la carica di Amministratore Delegato del Club. L’attuale Consigliere Paolo Scaroni è stato eletto Presidente Esecutivo e assume ad interim il potere di sovrintendere alla gestione del club, fino alla nomina, a tempo debito, di un nuovo Amministratore Delegato che è stato identificato.

Il Consiglio si riunirà a breve per riesaminare un nuovo business plan per il Club, che presenti un chiaro percorso per riconquistare lo status da Champions League. Il Consiglio esaminerà anche un nuovo budget per il club. L’obiettivo finale è quello di rafforzare la competitività della squadra, in conformità alle norme UEFA sul Fair Play Finanziario. Come chiarito ieri nella decisione del Tribunale Arbitrale dello Sport di revocare il divieto alla partecipazione alla UEFA Europa League“il Collegio … ha rilevato in particolare che l’attuale situazione finanziaria del Club è ora migliore, in seguito al recente cambio di proprietà del Club”. Elliott ha già espresso il suo forte sostegno al Club, con un aumento di capitale previsto di 50 milioni di euro e ritiene che i cambiamenti di oggi siano fondamentali per il successo del club nel lungo periodo.