Rottura Milan-Montolivo: la rabbia del procuratore Branchini

E’ stato uno dei più applauditi ed acclamati nel giorno del raduno a Milanello, è stato definito un capitano esemplare, anche quando senza protestare ha lasciato la fascia al neo arrivato Bonucci, ma l’amore con i tifosi non è mai scoppiato e, l’avventura di Riccardo Montolivo al Milan, sembra giunta ormai agli sgoccioli.

Riccardo Montolivo (Fonte: Piotr Drabik - wikipedia.org)
Riccardo Montolivo (Fonte: Piotr Drabik – wikipedia.org)
Dopo non aver trovato un accordo per la rescissione e per accasarsi con un nuovo club nella sessione estiva appena conclusa, il centrocampista, attualmente infortunato, è stato sì inserito nella rosa per l’Europa League ma, di fatto, è fuori dalla squadra di Rino Gattuso.
Sul caso è intervenuto duramente Giovanni Branchini, procuratore del centrocampista: “Se deve giocare questo Jorginho in Nazionale, allora io dico che il mio Montolivo, scandalosamente epurato, è molto meglio”.
Il contratto scadrà il 30 giugno 2019. Il giocatore compirà 34 anni il prossimo gennaio, lui che è arrivato in rossonero nel 2013 dalla Fiorentina, disputando con il Milan 158 gare realizzando 10 reti e vanta anche 66 presenze e 2 reti in Nazionale.