Italia-Portogallo 0-0, le pagelle degli azzurri: Immobile fallisce ancora

L’Italia di Mancini non è riuscita ad avere ragione del Portogallo, nonostante una prestazione positiva a San Siro, soprattutto nel primo tempo. La salvezza già conquistata contro la Polonia rimane dunque il massimo risultato ottenuto da Chiellini & co. nel girone di Nations League. Ecco le pagelle degli Azzurri:

Immobile nell'Italia - Fonte immagine: Clément Bucco-Lechat, Wikipedia
Immobile – Fonte immagine: Clément Bucco-Lechat, Wikipedia
Donnarumma 7 – Decisivo nell’occasione principale del match dopo aver fatto da spettatore.
Biraghi 5.5 – Non morde mai come dovrebbe la fascia limitandosi al compitino
Bonucci 6 – Ha sul groppone uno stadio che lo fischia ad ogni tocco di palla e il suo gioco ne risente.
Chiellini 6.5 – Baluardo della difesa, chiude ad ogni possibile pericolo festeggiando la sua centesima presenza con una buona gara.
Florenzi 6 – Dalle sue parti gira uno dei clienti più ostici e lui si applica per limitarlo annullando però le sue avanzate
Jorginho 6.5 – Il gioco passa costantemente dai suoi piedi che smistano una gran quantità di palloni, peccato per qualche mancata apertura.
Verratti 7 – Un mastino in mezzo al campo rincorre tutti e sporca un numero infinito di palloni
Barella 6 – La sua gara è discreta, agisce da cerniera in ogni zona ma sembra che gli manchi l’acuto. Ad ogni buon conto, si conferma ormai titolare fisso dell’Italia.
Chiesa 5 – Vorrei ma non posso: non si capisce per tutto il tempo se sia lui in giornata no o i compagni a non vederlo. Morale gara negativa.
Immobile 5 – Si sbatte su tutto il fronte offensivo alla ricerca di un pallone senza successo, e dire che l’occasione migliore degli Azzurri capita sui suoi piedi (dal 74′ Lasagna 6: Voto perlopiù di stima: gioca il minimo sindacabile senza sbavature e senza lasciare il segno).
Insigne 6 – I fraseggi con i centrocampisti sono puro genio ma partendo da lontano non riesce a pungere come dovrebbe.

Salvatore Suriano

Redattore sportivo per passione, amo il calcio e lo seguo sempre con lo stesso interesse. Collaboro con SoccerMagazine dal luglio del 2013.