Qualificazioni Mondiali Russia 2018: ad Haifa Israele-Italia 1-3

Prima gara di qualificazione in vista dei prossimi Mondiali di calcio che si svolgeranno in Russia nel 2018 per l’Italia del neo Ct Gianpiero Ventura, impegnata ad Haifa contro l’Israele.

Fonte immagine: Roberto Vicario
Fonte immagine: Roberto Vicario

Inizio gara con israeliani molto aggressivi, senza però riuscire a creare particolari apprensioni verso la porta di Buffon; al 14′ l’Italia la sblocca, con Verratti che verticalizza sulla sinistra per Antonelli, cross basso al centro dove Pellè anticipa tutti e mette in rete. I padroni di casa accusano il colpo, l’Italia mantiene il possesso palla ed al 31′ raddoppia su calcio di rigore concesso per fallo di Bitton su Bonaventura e trasformato da Candreva. Azzurri che sembrano in controllo della gara, ma al 37′ un errore di Chiellini manda in contropiede Israele, tiro dai 30 metri di Ben Chaim che con uno splendido pallonetto scavalca Buffon ed accorcia le distanze. Nel minuto di recupero ancora Italia pericolosa, con Candreva che crossa dalla destra, Pellè stacca di testa ed indirizza verso l’angolino, splendida la parata a mano aperta di Goresh che devia in angolo.
Nella ripresa subito azzurri vicino al raddoppio, con Eder che al 47′ viene lanciato da Verratti, l’attaccante dell’Inter prova a superare Goresh con un pallonetto che esce di poco; al 52′ risponde Israele, con la conclusione dalla distanza di Biton deviata da Buffon. Al 55′ l’Italia resta in dieci, causa l’espulsione per doppia ammonizione di Chiellini; Ventura ridisegna la squadra togliendo Bonaventura, Candreva ed Eder ed inserendo Ogbonna, Florenzi ed Immobile. Israele che sfrutta la superiorità numerica per rendersi pericolosa: al 65′ ci prova Davidzada, il cui cross attraversa tutta l’area senza trovare la deviazione dei compagni; passano due minuti e ci prova dalla distanza Kehat, Buffon respinge, riprova Zahavi, ancora Buffon a deviare. All’83’ azione in velocità dell’Italia ed arriva il tris: lancio dalle retrovie, spizzata di Pellè ed Immobile, dal limite, lascia partire un diagonale perfetto che si infila all’angolino. All’87’ ancora l’attaccante della Lazio protagonista, su assist di Florenzi, ma tutto solo davanti alla porta calcia incredibilmente a lato.