Roma, Spalletti alla vigilia dell’Udinese: “Se la mia società mettesse i soldi sotto il materasso farei casino”

Alla vigilia della gara tra Roma ed Udinese a tenere banco a Trigoria è il mercato.

Spalletti - Fonte immagine: Riccardo Cotumaccio
Spalletti – Fonte immagine: Riccardo Cotumaccio

Un mercato che stenta a decollare e che inizia a creare qualche malumore nell’ambiente giallorosso ed in Luciano Spalletti che non ha perso occasione per dire la sua in merito in occasione della conferenza stampa pre-match. Ecco i passaggi salienti dell’intervento tecnico della Roma: “Il mercato è un tema caldo e attuale, è anche giusto che sia così. Questo è il momento di quel tema. Però da parte mia diventa facile, perché ritorno ad essere coerente. Ho già detto che per me poteva anche non esserci questo mercato, perché io ho scelto questa squadra. Se vedessi la mia società fare le cose per mettersi i soldi sotto al materasso, lì interverrei e farei casino. Musonda? Non mi aspetto che venga a Roma a far vincere le partite”. Tornando invece al calcio giocato, ecco cosa dice Spalletti in merito alla trasferta di Udine: “Le trasferte di Genova e di Udine le abbiamo preparate in maniera uguale, sono due partite insidiose dove dobbiamo mettere quelle qualità di cui parlavamo, quelle qualità che in alcuni momenti ci sono mancate. A Genova c’è quell’ambiente che ti crea difficoltà di espressione della tua personalità, ti limitano con la loro disponibilità all’affetto. A Udine sarà più facile, ma hanno un allenatore espertissimo e bravo. A Udine è anche facile poter evidenziare una libera personalità per i calciatori, cosa più difficile in altri ambienti come Roma e Napoli, dove per forza devi accostare questo tuo essere calciatore a quello che vuole la piazza, ovvero i risultati e le vittorie. Abbiamo sempre detto di aver fatto delle cose buonissime in funzione dello spettacolo e dei gol. A volte ricadiamo nell’abbassare il rendimento e i momenti dove c’è da fare legna e metterci intensità, contrasti e palle temperate sul gioco sporco. Nell’ultimo periodo andiamo a dare forte considerazione al fatto che ci sono momenti in cui bisogna dare sostanza. Questi sono segnali importanti. Siamo sulla strada giusta”. Chiosa finale sulla corsa scudetto: “I rapporti di forza con Juve e Napoli sono gli stessi. Loro hanno a disposizione qualche calciatore più di noi. Se non siamo bravissimi e fantastici, possiamo subire delle difficoltà da un punto di vista di minutaglie. Se confronti i calciatori a disposizione della Roma e della Juve a centrocampo, sono dati di fatto. E’ bene che i miei calciatori sappiano che dovranno fare gli straordinari. Dovranno diventare di più attraverso il loro lavoro, saremo di più”.