Juventus-Parma 3-3, le pagelle dei bianconeri: Rugani titolare e marcatore

La Juventus ha conosciuto una nuova battuta d’arresto, pareggiando per 3-3 allo Stadium contro il Parma di Gervinho. I bianconeri sono andati in vantaggio più volte, ma sono stati raggiunti al 94′ proprio dall’ivoriano, autore di una doppietta al pari di Ronaldo. Ecco allora le pagelle della “Vecchia Signora”:

Rugani alla Juventus di sassuolocalcio.it
Rugani – Fonte immagine: sassuolocalcio.it

Perin 5,5: nel primo tempo non corre particolari pericoli, ma nella ripresa subisce 3 goal. In qualche frangente avrebbe potuto fare di più.

Cancelo 5,5: meglio rispetto alla partita di coppa, ma è inconcludente quando arriva sul fondo.

Caceres 5,5: gioca un ottimo primo tempo, poi Inglese sfugge dai suoi radar. Cala alla distanza.

Rugani 6: quasi perfetto fino al suo goal, il secondo consecutivo in casa, ma ha sul groppone diverse responsabilità sulle ultime due reti del Parma.

Spinazzola 5,5: Anche lui sembra partire bene, ma alla fine la Juve soffre sempre dalle sue parti.

Khedira 6: tra i più costanti, sfiora anche il goal in più di un’occasione, ma il palo gli dice di no. Troppo superficiale nell’azione del primo goal dei crociati (dal 78′ Bentancur s.v.).

Pjanic 6: prestazione senza infamia e senza lode. È mancato forse un suo guizzo, ma non abbastanza da fargliene una colpa..

Matuidi 6,5: il migliore a centrocampo, in entrambe le fasi. Suo l’assist per il goal che apre le marcature.

Douglas Costa 6,5: crea sempre scompiglio e supera persino Gervinho in rapidità. Senza di lui il Parma avrebbe avuto vita più facile [dal 46′ Bernardeschi 6: non sempre preciso, ma si fa sentire con quantità notevole. Alla fine è costretto a uscire prima del tempo (dall’86’ Emre Can s.v.)].

Mandzukic 6,5: lavora bene con tutti e con il solito sacrificio, propiziando anche il secondo goal di Ronaldo. Mancava.

Cristiano Ronaldo 7,5: sicuramente l’uomo più pericoloso della Juventus, quasi impossibile da fermare. La doppietta ne è la prova. Torna capocannoniere superando Quagliarella.