Le pagelle della Juve: Benatia e Dani Alves grandiosi, deludente l’entrata di Higuain

Queste le pagelle bianconere della gara dell’Olimpico di questa sera, secondo la redazione di SM.it

Stadio Olimpico fonte foto: Wikipedia - Opera propria Alexdevil
Stadio Olimpico fonte foto: Wikipedia – Opera propria Alexdevil

Buffon 6: ordinaria amministrazione per il portiere della Nazionale, mai seriamente impegnato dagli avanti biancocelesti nel corso dei 90’ più recupero. Nel primo tempo è salvato da una grande scivolata di Benatia.
Barzagli 6,5:
Immobile si impegna e crea qualche grattacapo, ma alla fine è più fumo che arrosto. Per Barzagli nessun vero e proprio problema. Guida bene il reparto, coadiuvato da un Benatia molto positivo.
Benatia 7:
gran prova del marocchino (il primo della storia bianconera), che guida il reparto senza lasciar minimamente rimpiangere l’assenza di Bonucci. Quando ha l’occasione fluidifica addirittura sulla fascia.
Chiellini 6,5:
dalle sue parti agisce un vivace Felipe Anderson, ma il centrale ex Fiorentina si rivela un osso duro, non soffrendo mai le sue incursioni.
Daniel Alves 6,5:
tocca molti palloni con qualità e sagacia tecnico-tattica. Rischia meno rispetto alla gara di sabato sera contro la Fiorentina. Lascia il campo a Lichtsteiner per l’ultima parte di gara. (73’ Lichtsteiner 6: entra in un finale tranquillo, limitandosi a mettere a servizio dei propri compagni l’esperienza necessaria a portare a casa il match. Non si lascia impensierire dai soliti e copiosi fischi del pubblico laziale nei suoi confronti).
Khedira 7,5:
sembra lento ed invece arriva sempre prima sul pallone rispetto agli altri. Si dimostra giocatore valido anche in fase di inserimento, segnando il secondo gol in due gare. Uno dei capolavori di Marotta nei suoi anni bianconeri.
Lemina 6,5:
gioca una buona gara, sbagliando spesso e rimediando subito dopo ai suoi errori. Si dimostra una riserva di assoluta affidabilità.
Asamoah 6,5:
da una mano positiva alla Juventus dopo un avvio di empasse, in cui non riesce a prendere le misure alla partita. Marotta lo ha definito come un nuovo acquisto per la Juve, il ghanese lo sta dimostrando pienamente sul campo.
Alex Sandro 6,5:
in fase offensiva non incide, ma è molto disciplinato tatticamente, il che permette alla Juventus di scoprirsi di rado.
Dybala 6,5: a 23 anni sembra già essere un calciatore maturo, che riesce a prendersi la squadra sulle spalle e cerca di ispirare in ogni singolo momento le manovre offensive dei suoi. Per la gioia dei fantacalcisti che lo hanno in squadra mette a segno il primo assist della sua stagione. (88’ Pjaca 6,5: entra e mostra subito una gran giocata, mettendo i brividi a Marchetti con la sua conclusione. Prospetto di grande livello, che vuole a tutti i costi ripagare i 22 milioni sborsati dalla società).
Mandzukic 5,5: poco brillante su un paio di appoggi che avrebbero potuto generare delle buone occasioni, patisce anche il primo tempo poco costruttivo a livello di occasioni gol per i suoi. (65’ Higuain 5: entra e ha a disposizione due contropiedi, ma in due circostanze Bastos lo recupera alla grande. Voto forse un po’ severo, ma da subentrato avrebbe dovuto fare di più).